ELAP 2016. LETTERA AL MOVIMIENTO ALIANZA PAIS

di Manuel Santoro, Segretario nazionale
Lettera spedita in data 16.09.2016

Carissimi compagni, amici,

Convergenza Socialista è onorata dell’invito ricevuto per il 3° Incontro Latino-Americano Progressista, ELAP 2016, che si terrà in Ecuador dal 28 al 30 di questo Settembre. Questo incontro è di vitale importanza per il futuro dell’alternativa politica, economica e sociale al modello neo-liberista e, spero, possa essere riproposto negli anni a venire con più forza e con più decisione.

Ringrazio, quindi, il Movimiento Alianza PAIS, in special modo Dorris Soliz Carrion, Segretaria Esecutiva, e Fander Falconi Benitez, Presidente della Commissione Relazioni Internazionali, e parimenti ringrazio tutte le organizzazioni politiche, movimenti e partiti, che parteciperanno all’incontro per renderlo forte agli occhi del mondo.

Convergenza Socialista è un partito politico sorto dalle ceneri del socialismo italiano appena un anno e mezzo fa e, da subito, con estrema chiarezza ha indicato nel modello liberista la causa delle gravi crisi economiche e sociali che stanno percorrendo in lungo ed in largo il nostro tempo, attraversando tutti i continenti del pianeta.

Siamo socialisti e crediamo fortemente che il modello liberista, le politiche liberiste, debbano essere superate con politiche socialiste. Socialismo è antiliberismo così come il liberismo è antisocialismo. La nostra missione è contribuire alla costruzione dell’alternativa politica ed economica al modello liberista, in Italia ed in campo internazionale.
Continua a leggere ELAP 2016. LETTERA AL MOVIMIENTO ALIANZA PAIS

PREOCCUPAZIONE DI CONVERGENZA SOCIALISTA DI PIETRASANTA SULLA QUESTIONE PROFUGHI IN VERSILIA: SERVE UN SALTO DI QUALITA’!

Marco Moriconi, Referente di Convergenza Socialista di Pietrasanta (LU)

Sulla questione dell’ospitalità degli immigrati in Versilia, ancora tutta in divenire nelle sue certezze numeriche e modalità attuative, Convergenza Socialista di Pietrasanta (LU) esprime innanzitutto la preoccupazione per il clima di contrapposizione ed infervoramento degli animi che si sta di fatto creando primariamente ad opera di vari politici ed amministratori di centro-destra dell’intera Versilia. Si arriva a formulare una stessa ipotesi di candidatura alla carica di Sindaco per le elezioni di Forte dei Marmi del 2017, paventando una possibile “invasione di profughi nella città”, a girare a Pietrasanta un video ad hoc “minacciando” azioni plateali e invitando anche i cittadini a farlo e si ritiene adeguato scrivere lettere aperte al Ministro degli Interni e al Presidente Renzi. E cartelli con la scritta «REFUGEES NOT WELCOME» sono apparsi in vari luoghi della frazione di Ripa, a Seravezza, dopo l’arrivo dei rifugiati provenienti da Pakistan, Bangladesh, Costa d’Avorio e Nigeria.
Continua a leggere PREOCCUPAZIONE DI CONVERGENZA SOCIALISTA DI PIETRASANTA SULLA QUESTIONE PROFUGHI IN VERSILIA: SERVE UN SALTO DI QUALITA’!

CONVERGENZA SOCIALISTA INVITATA ALL’ELAP 2016

di Manuel Santoro, Segretario nazionale

Il partito della Convergenza Socialista è stato formalmente invitato dal Movimiento Alianza PAIS al 3° Incontro Latino-Americano Progressista (ELAP 2016) che si terrà a Quito e Guayaquil, Ecuador, dal 28 al 30 settembre di questo anno.

Il Partito è stato, inoltre, invitato come ospite d’onore alla 5° Convention del Movimiento Alianza PAIS che si terrà a Quito il 1 Ottobre 2016.

Negli anni precedenti l’evento ha visto la partecipazione di ospiti di rilievo, invitati per questa grande occasione di dialogo e di discussione: da Alvaro Garcia Linera, Vice Presidente della Bolivia a Pablo Iglesias e Inigo Errejón, entrambi deputati di Podemos in Spagna; da Giannis Dragasakis, Vice Primo Ministro della Grecia a Martin Torrijos, Presidente di Panama; da Manuel Zelaya, Presidente dell’Honduras a Jose Ramon Balaguer, Segretario per le relazioni internazionali del Partito Comunista di Cuba. Sino a Blanca Eekhout, deputato per il PSUV del Venezuela.

Quest’anno è prevista la partecipazione, tra i tanti, di José Alberto “Pepe” Mujica Cordano e di Cristina Elisabet Fernández de Kirchner.

Questa edizione dell’ELAP tratterà delle evoluzioni e dei cambiamenti geopolitici in America Latina e nel mondo, soprattutto in considerazione del ripristino delle relazioni diplomatiche tra gli Stati Uniti e Cuba, della pace firmata tra il Governo della Colombia e le forze armate rivoluzionarie (FARC) e dell’avanzata delle forze di destra, conservatrici e neo-liberiste, nei Paesi dell’America Latina. Ad iniziare dal Brasile.

L’ELAP 2016 porrà l’accento anche su un punto che è fondante per Convergenza Socialista. ‘Costruire il potere popolare dal locale’.

Il 5° Incontro nazionale del Movimiento Alianza PAIS del 1 Ottobre 2016 segnerà, invece, l’inizio della marcia del partito verso le elezioni del 2017. Si formalizzerà il programma di Governo 2017-2021 del movimento e saranno presentati i candidati.

Essere invitati all’ELAP 2016 e, come ospiti d’onore al 5° Incontro nazionale del Movimiento Alianza PAIS, evento importante per il futuro politico dell’Ecuador, ci onora e ci rende orgogliosi del lavoro sino ad oggi svolto dal nostro partito. Avanti!

SOCIALISMO & REFERENDUM COSTITUZIONALE: CONVERGENZA SOCIALISTA A CODOGNO

Convergenza Socialista a Codogno

CONFERENZA di CONVERGENZA SOCIALISTA a Codogno (LO)
SABATO 24 SETTEMBRE 2016
ore 15.00
Presso “Sala Cassoni”, via Vittorio Emanuele 8

CONVERGENZA SOCIALISTA (CS) in campo:

  • per il recupero dell’Area Socialista e la sua ricollocazione là dove la storia, la logica ed il buonsenso vogliono sia;
  • per la presentazione di “CONVERGENZA SOCIALISTA”, Partito Socialista con cuore, anima e due piedi a sinistra. In Italia e in Europa;
  • per discutere, parlare e dire delle “RAGIONI DEL NO AL PROSSIMO REFERENDUM COSTITUZIONALE”.

Introduce Giandiego Marigo, referente locale di Codogno e membro della Segreteria nazionale;
Dibattito aperto al pubblico;
Conclude Manuel Santoro, Segretario nazionale.

QUANTE MORTI, ANCORA, PRIMA CHE LA PIETÀ E LA COMPASSIONE SORREGGANO LA RAGIONE?

di Giandiego Marigo, Politiche abitative e per gli anziani

Un pensionato si è suicidato a Barzanò, provincia di Lecco, nella florida e ricca Brianza, nei giorni fra il 7 e 8 Settembre.

Un biglietto “Scusatemi non so dove andare” ed una corda per impiccarsi. L’unica risposta che l’anziano settantenne è riuscito a concepire allo sfratto che lo avrebbe buttato per la strada.
L’ha trovato così, appeso, imnpiccato proprio quell’ufficiale giudiziario che aveva tentato più di una volta l’esecuzione dello sfratto.

Alla notizia non è dato grande rilievo, compare così, senza nomi e cognomi con una spiegazione sommaria dei motivi su alcuni giornali online locali e di secondaria importanza.

Non è mica qualcuno che conta, ma solo un vecchio che si è impiccato per disperazione, un signor nessuno la cui morte non sposta nulla e non tocca, in fondo, alcuna coscienza. Un dato statistisco che nemmeno arriverà là dove si decidono le politiche che creano questi accadimenti.
Continua a leggere QUANTE MORTI, ANCORA, PRIMA CHE LA PIETÀ E LA COMPASSIONE SORREGGANO LA RAGIONE?

REFERENDUM E SOCIALISMO: BELLA GIORNATA PER IL NO! A PIETRASANTA

Sabato 17 settembre alle ore 17,30 presso la Sala della Croce Verde di Pietrasanta (LU) si è tenuto il primo incontro-dibattito di Convergenza Socialista (CS).

Il Partito si è presentato nella città toscana contribuendo alla Campagna per il No al Referendum Costituzionale d’autunno, per illustrare le proprie proposte politiche e per porre le basi di un suo sviluppo anche nelle altre località e comunità versiliesi.

Alla presenza del Segretario Nazionale Manuel Santoro e, tra il pubblico, di alcuni responsabili nazionali, il compagno Filippo Russo ha tenuto l’intervento centrale della giornata, “Referendum Costituzionale: Stalingrado della democrazia”, al quale è seguito un interessante ed articolato dibattito con i presenti.

Sono state esposte le ragioni del fermo invito di CS a votare contro la Riforma Costituzionale e valutati i possibili scenari politico-istituzionali successivi al referendum. Sono state ribadite le motivazioni dell’importanza di una crescita del Partito, le relative collocazioni nella sinistra internazionale e le sue priorità d’intervento riguardo al disagio sociale, con riferimenti diretti anche alle problematiche più evidenti nell’area versiliese, a partire dall’assistenza sanitaria.

CS con la sua autonomia sarà parte di un percorso dialettico e costruttivo con le realtà politiche ed associative locali.

Un primo positivo passo per farci conoscere e proporci anche in questa zona come partito politico legato alla tradizione del Socialismo e ad un’indispensabile orizzonte antiliberista ed internazionalista.

Marco Moriconi, Referente di Convergenza Socialista nel Comune di Pietrasanta.

Marco Moriconi, Referente di Convergenza Socialista nel Comune di Pietrasanta (LU)
Marco Moriconi, Referente di Convergenza Socialista nel Comune di Pietrasanta (LU)

 

Convergenza Socialista, Marco Moriconi, Manuel Santoro, Pietrasanta, referendum
Marco Moriconi, Referente di Convergenza Socialista nel Comune di Pietrasanta (LU); Manuel Santoro, Segretario nazionale di Convergenza Socialista

Continua a leggere REFERENDUM E SOCIALISMO: BELLA GIORNATA PER IL NO! A PIETRASANTA

UNA PROPOSTA CULTURALE, INTEGRATA E LUNGIMIRANTE PER LA BASSA LODIGIANA

di Giandiego Marigo, Politiche abitative e per gli anziani & referente CS a Codogno (Lodi)

La Bassa Lodigiana è un’entità, spesso nominata, ma altrettanto spesso solo meramente nominale, infatti in nessun altro luogo, come in questo pseudo-agglomerato, il provincialismo , la parcellizzazione e l’autonomismo distorto d’area istituzional-comunale ha mietuto e miete vittime. Di questi tempi, fra l’altro , l’abolizione, per quanto pretestuosa e raffazzonata, della provincia, anche in termini istituzionali, ha fatto il resto, aggiungendo confusione e vuoto istituzionale al male.

Non si sa e, forse, non si vuole sapere se quello che chiamammo lodigiano si unirà in una maxi provincia con Cremona, piuttosto che ritornare al proprio destino storico di Hinterland allargato della metropoli milanese.

Questo uscirà, come suole, da un attenta pesatura delle convenienze e dei vantaggi delle svariate rendite di posizione e degli interessi lobbistici che entreranno in gioco.

Resta e questa probabilmente resterebbe comunque in entrambi i casi, la devastazione culturale d’un vuoto quasi assoluto, che ha portato molti insigni intellettuali nati e residenti nell’area a definirla Mortorio, Cimitero delle idee, Dormitorio!
Continua a leggere UNA PROPOSTA CULTURALE, INTEGRATA E LUNGIMIRANTE PER LA BASSA LODIGIANA

SULLA GLOBALIZZAZIONE DEL SOCIALISMO

di Manuel Santoro, Segretario nazionale

Il Socialismo è progettualità e Convergenza Socialista è un progetto strategico, di lungo periodo.

Esattamente come i grandi potentati, le grandi dinastie e gli Ordini religiosi che lavorano al perseguimento dei propri obiettivi nell’arco dei secoli, non anni, la via al Socialismo e, di conseguenza la costruzione ed il successivo rafforzamento di Convergenza Socialista che pone la sua esistenza nella rifondazione del Socialismo italiano, è un tragitto lungo nel tempo e nello spazio che non si può ritenere un fuoco di paglia. Chi pensa che la rifondazione del Socialismo italiano sia una questione di puro tatticismo ed il lavoro del partito della Convergenza Socialista, che tale rifondazione ricerca, una questione di breve respiro, non ha ben compreso lo spirito esistenziale e politico del partito. Convergenza Socialista lavora per la rifondazione del Socialismo italiano su obiettivi chiari, autonomisti, e persegue quel processo di rinascita del socialismo internazionale che acquisisce nuova linfa dalle recenti dinamiche internazionali. Convergenza Socialista, nel tempo, sarà seduta ai diversi tavoli del Socialismo internazionale. Questo percorso è già avviato.

La rifondazione del Socialismo italiano ha un futuro, da passare alle generazioni che verranno, solo se organizzato in una struttura politica. Partitica. Significa regole chiare, obiettivi politici definiti, massima democrazia interna. Tocca poi a tutti gli uomini e donne di buona volontà che riconoscendosi negli obiettivi prefissati, non altri, contribuiscono alla costruzione del Socialismo organizzato che è l’unica, ripeto, l’unica entità reale capace di modificare i rapporti di forza nella politica praticata e, quindi, nella società. Il solo discorrere di Socialismo o definirsi tali non basta più. Il pensiero socialista non può più essere slegato dall’azione socialista. Bisogna semplicemente mettersi a disposizione di questo grande e necessario progetto politico.
Continua a leggere SULLA GLOBALIZZAZIONE DEL SOCIALISMO

CONVERGENZA SOCIALISTA A PIETRASANTA

Convergenza Socialista a Pietrasanta
Convergenza Socialista a Pietrasanta

PRIMO INCONTRO-DIBATTITO di CONVERGENZA SOCIALISTA a Pietrasanta (LU)
SABATO 17 SETTEMBRE 2016
ore 17.00
Presso “Sala M. Tosi” Croce Verde, via Capriglia 5

CONVERGENZA SOCIALISTA (CS) in campo per:

  • la rappresentatività popolare legata al territorio;
  • la difesa della democrazia costituzionale;
  • la riconquista dell’autonomia politica ed economica del nostro Paese, contro la tecnocrazia sovranazionale ed il Trattato TTIP tra UE-USA;
  • il rilancio di una nuova stagione di diritti sociali e di partecipazione dei lavoratori alle scelte del Paese;
  • per una Europa politica, non finanziaria.

Introduce Marco Moriconi, Referente locale di Convergenza Socialista;
Intervento di Filippo Russo, Comitato per il NO di CS:
REFERENDUM COSTITUZIONALE ‘STALINGRADO DELLA DEMOCRAZIA’;
Conclude Manuel Santoro, Segretario nazionale.

ITALIA E LAVORO. IL PAESE DELL’INCENTIVO

L’Italia è il Paese che sopravvive sugli incentivi. Questo è ormai un punto chiaro.

Da quando, infatti, si è ridotto l’incentivo all’assunzione a tempo indeterminato abbiamo assistito ad una diminuzione notevole delle attivazioni dei contratti. Solo nel secondo trimestre di questo anno, un quasi 30% in meno rispetto all’anno scorso. Tantissimo

Secondo il Ministero del Lavoro, i contratti a tempo indeterminato ‘terminati’ sono stati 470-mila e tale rapporto è ancor più significativo poiché tiene conto dei mestieri domestici, agricoli, contratti di collaborazione, ecc.

Ma come fa un Paese del G7, con una crescita striminzita e che ad ogni autunno riceve revisioni al ribasso delle previsioni di crescita, a sopravvivere con queste politiche del lavoro?

Ormai siamo destinati all’assenza di nuovo lavoro stabile per mancanza di incentivi? Niente incentivi, niente lavoro? Non mi sembra una riuscita politica del lavoro. Noi sapremmo certamente fare di meglio.