LAVORO. SANTORO: IL PAESE SOFFRE MENTRE I GOVERNI TACCIONO IN EUROPA

LAVORO. SANTORO: IL PAESE SOFFRE MENTRE I GOVERNI TACCIONO IN EUROPA

“Il Paese reale soffre e la politica è in netto ritardo”, interviene Manuel Santoro, coordinatore di Convergenza Socialista. “I dati Istat ci disegnano un’Italia in sofferenza, con un tasso di disoccupazione troppo elevato. Così non andiamo avanti.”

“Con 3,3 milioni di disoccupati, con quasi uno su due giovani tra i 15 ed i 24 anni senza lavoro, con un numero di occupati diminuiti di quasi 500-mila persone rispetto al 2012, l’Italia è in una crisi profonda. Una crisi che timide politiche e avventate promesse non possono risolvere alla radice. La questione lavoro in Italia si cambia, oggi, in Europa. E’ lì che bisogna sbattere i pugni e richiedere un cambio di mentalità netto nelle politiche economiche e del lavoro. Bisogna dire basta all’austerità merkeliana e aggregare in Europa tutti coloro che sono consapevoli della necessità di modificare gli accordi che strozzano le economie deboli.”

“A partire dal Fiscal Compact”, conclude Santoro, “il quale, a partire dal bilancio 2015 che si definirà con la legge di stabilità alla fine del 2014, ci costerà una cinquantina di miliardi di euro l’anno sino al raggiungimento di una rapporto debito/PIL del 60% entro il 2030. Dove prenderanno i Governi presenti e futuri tutti questi soldi?”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...