SANTORO: LETTERA DI DIMISSIONI DAL CONSIGLIO NAZIONALE DEL PSI

SANTORO: LETTERA DI DIMISSIONI DAL CONSIGLIO NAZIONALE DEL PSI

Dopo pochi mesi dall’incarico, ho spedito la lettera di dimissioni dal Consiglio nazionale del PSI al Segretario Nencini. Da oggi i miei sforzi saranno rivolti solo ed esclusivamente al radicamento di Convergenza Socialista.


Carissimo Segretario,

oggi è uscito ufficialmente il simbolo del Partito Democratico per le prossime elezioni europee. Non ti nascondo il mio rammarico per l’assenza di qualsiasi cenno al Partito Socialista Italiano. Così come non ti nascondo il mio sconcerto nel leggere il comunicato stampa del partito nel quale si accoglie con gioia il riferimento al PSE, all’interno del logo PD, come segno della collaborazione tra i due partiti.
A mio avviso, con o senza il PSI, il logo dei democratici sarebbe stato esattamente lo stesso, tenendo anche conto della loro appartenenza al Partito del Socialismo Europeo.

Ti comunico, quindi, le mie dimissioni irrevocabili dal Consiglio nazionale del partito. Ringrazio, naturalmente, chi mi ha scelto per ricoprire questo importantissimo incarico ma penso ancora che un partito, per esistere, debba sempre presentarsi in tutte le tornate elettorali e chiedere il consenso agli elettori.

Se si evita questa elementare forma democratica, non si esiste e si è destinati a scomparire.

Cordialmente,
Manuel Santoro

Annunci

3 pensieri su “SANTORO: LETTERA DI DIMISSIONI DAL CONSIGLIO NAZIONALE DEL PSI”

  1. Leggo con piacere quanto hai scritto e pur cogliendo il rammarico per averlo redatto, ne ho avvertito l’orgoglio di averlo firmato. Il PSI è storia nella storia del nostro paese e se dobbiamo ricominciare da zero per legittimarlo e dargli di nuovo un senso, beh, rimbocchiamoci le maniche e rioccupiamo gli spazi che abbiamo trascurato di presenziare negli ultimi anni e ricostituiamo la nostra identità e riacquisiamo la nostra valenza. Vuol dire che daremo di nuovo un senso a questo “sole” che risorge

  2. Da questa mattina sono ancora piu’ orgoglioso di essere un componente di convergenza socialista, le dimissioni di Manuel Santoro dal P:S:I: sono un evidente segno di cambiamento. Non ci interessano le poltrone, ma gli uomini, le idee, la democrazia, l’aiuto agli altri. In poche righe ma di una chiarezza esemplare ha detto a Nencini, che se un partito deve esistere non puo’ esimersi dalla volonta’ dei suoi elettori, non puo’ trascurare chi nei territori lavora giornalmente a contatto con i problemi della gente, non puo’ non presentare liste del partito per fare in modo che si entri anche nelle responsabilita’ comunali, provinciali, regionali, se si deve crescere si deve esistere, ed oggi il partito socialista non c’e’ piu’ e’ una fonte di voti solo per il partito democratico che premia poi solo i soliti noti, effettua un pagamento per la vendita dei voti socialisti, questo non e’ dignitoso, questo non serve ai veri socialisti, dignita’ per il nostro popolo, vogliamo la dignita’ che ho trovato con Santoro in convergenza socialista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...