Convergenza Socialista CS socialismo sinistra partito socialista solidarietà

AIUTARE UNO PER SMUOVERE CENTO

di Rainero Schembri

Recitava una celebre frase di Mao Zedong, il leader rivoluzionario che ha guidato il continente cinese dal 1943 al 1976, anno della sua scomparsa: “Colpire uno per educarne cento”. Ma più che educarne, il ‘Grande timoniere’ intendeva probabilmente reprimere, se non eliminare gli avversari della rivoluzione. In sostanza, si trincerava dietro un eufemismo. Non a caso questa espressione è stata ripresa con entusiasmo dalle Brigate Rosse che certamente non avevano vocazioni pedagogiche. Anche il battagliero giornalista Marco Travaglio, nel condurre le sue battaglie politiche si è cimentato più volte con l’aforisma di Mao che, nella sua versione originale intendeva punire uno, dieci, mille affinché tutti gli altri imparassero a comportarsi. Cioè, a sottomettersi.


Sarà anche così. Ma proviamo a invertire la logica di queste parole. Se invece di colpire ci concentriamo in tanti ad aiutare una sola persona, purtroppo caduta in disgrazia dal punto di vista economico, sociale, sanitario o legale.
Probabilmente con questa scelta, forse poco ‘rivoluzionaria’, avremo dato ugualmente un segnale e un esempio molto forte, capace di avviare un circolo virtuoso nonché un esempio che molti altri potrebbero tentati a seguire.

Questo, poi, è anche un modo per non continuare a usare a sproposito paroloni come popolo, cittadini o masse ma di affrontare singoli casi, ben individuabili e concreti. Se gruppi di 10-20 persone decidono di adottare e prendere in cura una singola persona o una coppia di anziani abbandonati, questo esempio potrebbe allargarsi a macchia d’olio. Un socialismo dal volto umano fa benissimo a cercare di modificare le regole del gioco che penalizzano vasti settori della società: ma chi ha fame e non ha una casa, è malato e non ha i mezzi per difendersi in tribunale, non può aspettare che cambino le regole del gioco. Ha bisogno di un concreto aiuto subito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...