Convergenza Socialista socialismo sinistra partito socialista CS Nuovo Stato Sociale elezioni comunali

L’INGIUSTA MORTE DELLE IDEOLOGIE

di Rainero Schembri

Oggi va di moda dire che le vecchie ideologie sono morte, che non hanno più alcun senso. In sostanza, Destra e Sinistra sarebbero press’a poco la stessa cosa. I valori, i simboli e le credenze, tutta roba da antiquariato. Contano solo i personaggi, i capi partito. Ma siamo sicuri che sia proprio così?

Fortunatamente per molte persone le ideologie rappresentano ancora un enorme bagaglio culturale di riflessioni, studi, elaborazioni e concezioni della vita che possono anche essere in netta opposizione tra loro ma rispecchiano tutte ugualmente un bagaglio di interessi collettivi, esperienze di vita e analisi sui rapporti sociali. Destra e sinistra non sono categorie immaginarie prive di sostanza. Non sono squadre di calcio per le quali uno fa semplicemente il tifo. Sono, invece, modi diversi di intendere la vita e i rapporti umani.

Tuttavia, Destra e Sinistra sono anche due realtà che possono incontrarsi e mediare per un bene superiore e comune, nella piena consapevolezza che nessuno al mondo è detentore della verità assoluta. Le ideologie diventano invece pericolose quando si trasformano in fanatismo irrazionale e cieco, senza possibilità di confronto e scambio di opinioni.

L’ideologia spogliata dal fanatismo rappresenta una garanzia, una cornice di propositi e finalità entro le quali ogni leadership, sia di destra che di sinistra, dovrà muoversi se vuole restare coerente con il pensiero e la sensibilità di chi lo ha eletto. Senza una base ideologica e filosofica, la politica si trasforma in un pragmatismo privo di senso e di corto respiro.

Annunci

1 commento su “L’INGIUSTA MORTE DELLE IDEOLOGIE”

  1. Oggi l’avversario numero uno è il liberismo il cui piano di impoverimento culturale, da una parte, ed azzeramento delle differenze, dall’altro, sta portando il Paese all’immobilismo politico, all’apatia delle coscienze. Vedere altri popoli ribellarsi giustamente per il proprio futuro, dalla Grecia alla Spagna, sino ai Paesi del sudamerica e confrontarli con il menefreghismo italiano, l’iperindividualismo diffuso, mi rattrista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...