NUOVO STATO SOCIALE E SOCIAL COMPACT

di Roberto Spagnuolo e Pietro Spagnuolo

Fare allontanare da una situazione di povertà crescente i cittadini; sollevare il livello esistenziale delle fasce più deboli; ricostruire la fiducia nello Stato e nelle Istituzioni; facilitare l’accesso a istruzione, formazione e riqualificazione professionale lungo tutta la vita del lavoratore con la garanzia della sufficienza (senza ulteriore arricchimento) del sostegno pensionistico di quiescenza; questi gli obiettivi che il Nuovo Stato Sociale si propone di promuovere.
Continua a leggere NUOVO STATO SOCIALE E SOCIAL COMPACT

Annunci

INFORMAZIONE MONDIALE: ITALIA APRIPISTA DEL MONOPOLIO MONDIALE

di Rainero Schembri

“E’ scontato che chi comanderà il mondo del domani non tanto lontano, parliamo massimo del 2050, saranno coloro che avranno nelle mani le reti di comunicazione. L’operazione è partita dall’Italia nel 1993 con la legge Mammì che assegnò tre reti televisive nazionali a un unico soggetto privato precostituendo così un duopolio del potere mediatico contro lo storico monopolio della RAI”. A sostenerlo è Antonio Diomede, presidente della REA, Associazione di piccole e medie radio e televisioni europee.
Continua a leggere INFORMAZIONE MONDIALE: ITALIA APRIPISTA DEL MONOPOLIO MONDIALE

L’EUROPA LATITANTE E LE ABIEZIONI SOCIALI

di Roberto Spagnuolo
Responsabile del Dipartimento Lavoro

Nihilismo politico e tecnocrazia hanno caratterizzato l’intervento esclusivamente finanziario dell’UE nella soluzione della grave crisi della Grecia.
Anche se la disciplina finanziaria imposta dall’UE può aver avuto un senso, tuttavia, senza una legittimazione sociale, che può concretarsi solo attraverso rappresentanza diretta dei popoli in un Parlamento sovrano con effettivi poteri-guida, la tutela degli interessi sociali (oltre che economici) non potrà mai realizzarsi.
Continua a leggere L’EUROPA LATITANTE E LE ABIEZIONI SOCIALI

INFORMAZIONE MONDIALE: VERSO L’OLIGARCHIA DELLE TELECOMS

di Rainero Schembri

Che meno di un centinaio di persone possa usufruire di un reddito pari alla metà della popolazione mondiale è una stortura tale che da sola dovrebbe spingere tutti a fare qualcosa per cambiare una situazione che, in definitiva, rappresenta un pericolo per tutti. Secondo Alan Krueger, economista che a suo tempo si era dimesso dall’incarico di consigliere del Presidente USA Barack Obama, (quindi non stiamo citando un incallito comunista) siamo di fronte a una situazione “che prima o poi provocherà conseguenze drammatiche a livello planetario”.
Continua a leggere INFORMAZIONE MONDIALE: VERSO L’OLIGARCHIA DELLE TELECOMS

STATO SOCIALE E GUERRE NEL MONDO

di Rainero Schembri

Insieme alla Miseria sono le Guerre ad alimentare le emigrazioni di massa, vero flagello del XXI secolo. Attualmente sono oltre sessanta gli Stati in conflitto. Se consideriamo che i Paesi nel mondo sono 204, possiamo dire che oltre il 30% dell’umanità vive in uno stato di guerra civile o conflitto internazionale. E finché non riduciamo o ridimensioniamo questo bubbone, ogni piano di sviluppo economico, miglioramento dello Stato sociale e riduzione della fame nel mondo avrà un’efficacia molto limitata. Ma vediamo più nei dettagli come si presenta la situazione.
Continua a leggere STATO SOCIALE E GUERRE NEL MONDO

AMERICA LATINA. CARRESE: ABBIAMO CONDIVISO CON I VENEZUELANI UN MOMENTO FONDANTE DELLA LORO STORIA

AMERICA LATINA. CARRESE: ABBIAMO CONDIVISO CON I VENEZUELANI UN MOMENTO FONDANTE DELLA LORO STORIA

Nella serata del 7 luglio 2015, nell’ampio e gradevole giardino del Museo Etrusco di Roma, in via di Valle Giulia, si è svolta la celebrazione del 204° anniversario dell’indipendenza della Repubblica Bolivariana del Venezuela, che ricorre il 5 luglio, alla presenza dell’ambasciatore Julian Isaias Rodriguez. Per Convergenza Socialista era presente Annamaria Carrese, responsabile delle relazioni con l’America Latina per il partito.

“Nel 1811 tutta l’area settentrionale dell’America del sud si separò giuridicamente dalla Spagna”, commenta Annamaria Carrese, responsabile CS delle relazioni con l’America Latina, “ritenendo ormai maturi i tempi per una necessaria e condivisa indipendenza dalla Spagna, e rigettando con fermezza il concetto che le sorti di un territorio così vasto e con differenze così profonde dovessero ancora dipendere dalle decisioni di un piccolo Stato europeo”.
Continua a leggere AMERICA LATINA. CARRESE: ABBIAMO CONDIVISO CON I VENEZUELANI UN MOMENTO FONDANTE DELLA LORO STORIA

CONVERGENZA SOCIALISTA INCONTRA IL VENEZUELA PER L’ ANNIVERSARIO DELL’ INDIPENDENZA DELLA REPUBBLICA BOLIVARIANA

di Annamaria Carrese
Responsabile CS delle relazioni con l’America Latina

Nella serata del 7 luglio 2015, nell’ampio e gradevole giardino del Museo Etrusco di Roma, in via di Valle Giulia, si è svolta la celebrazione del 204° anniversario dell’indipendenza della Repubblica Bolivariana del Venezuela, che ricorre il 5 luglio.

Nel 1811 infatti, tutta l’area settentrionale dell’America del sud si separò giuridicamente dalla Spagna, ritenendo ormai maturi i tempi per una necessaria e condivisa indipendenza dalla Spagna, e rigettando con fermezza il concetto che le sorti di un territorio così vasto e con differenze così profonde dovessero ancora dipendere dalle decisioni di un piccolo Stato europeo.
Continua a leggere CONVERGENZA SOCIALISTA INCONTRA IL VENEZUELA PER L’ ANNIVERSARIO DELL’ INDIPENDENZA DELLA REPUBBLICA BOLIVARIANA

LA GRECIA, L’UE, IL LAVORO, IL WELFARE E UNA CLASSE DIRIGENTE DIVERSAMENTE INTELLIGENTE

di Roberto Spagnuolo

Forti sono state le critiche alla vigilia del referendum greco, circa i possibili, terribili, risvolti che una vittoria del NO avrebbe comportato, con tutte le conseguenze e responsabilità che solo il popolo avrebbe subìto, “in ragione della propria irragionevolezza”. Infatti, speculatori finanziari, armatori, governi e politici accondiscendenti (volenti o nolenti in quanto sotto il ricatto di licenziamenti di massa) hanno beneficiato del lassismo programmatico che pur vi è stato.
Tutti, incapaci (o piuttosto nolenti) di progettare un modello di crescita del paese e dell’UE diverso da quello standardizzato e imposto dall’esterno, ma che avrebbe potuto essere, sicuramente, più proficuo nel medio-lungo termine se opportunamente attuato nelle proprie riforme di base sociali ed economiche.

Certo una politica del genere non sarebbe stata in linea con i desiderata vigenti sullo status quo ben più favorevole alle grandi rendite di posizione che, per comprovata definizione, sono sterili in funzione dello sviluppo.
Continua a leggere LA GRECIA, L’UE, IL LAVORO, IL WELFARE E UNA CLASSE DIRIGENTE DIVERSAMENTE INTELLIGENTE

DIMISSIONI VAROUFAKIS: ERRORE STRATEGICO E SAPORE DI SCONFITTA

di Manuel Santoro

Schäuble, non Varoufakis avrebbe dovuto dimettersi. Dijsselbloem, non Varoufakis.

Se i governanti europei, succubi dei grandi creditori che hanno in mano il debito greco, hanno sempre palesato il desiderio di sbarazzarsi di Varoufakis in quanto deciso sostenitore degli interessi del popolo greco, i popoli europei avrebbero dovuto altrettanto palesare il desiderio di mandare a casa il ministro delle finanze tedesco Schäuble oppure contrastare i disegni antidemocratici di Dijsselbloem.
Siamo ancora agli inizi e non è troppo tardi per i popoli d’Europa mostrare non solo solidarietà nei confronti di un popolo in difficoltà ma decisione nel volere una Europa diversa, democratica, solidale. Una Europa dei popoli e non delle banche nazionali ed internazionali.
Continua a leggere DIMISSIONI VAROUFAKIS: ERRORE STRATEGICO E SAPORE DI SCONFITTA

CONVERGENZA SOCIALISTA ED IL SOCIALISMO ITALIANO DEL XXI SECOLO

CONVERGENZA SOCIALISTA ED IL SOCIALISMO ITALIANO DEL XXI SECOLO. IL FUTURO DEL SOCIALISMO ITALIANO ITALIANO.

Domenica 5 Luglio alcuni di noi si sono ritrovati per un primo incontro/pranzo informale di Convergenza Socialista.

Ci siamo ritrovati a Poggio Mirteto (RI), ed abbiamo trattato molti temi importanti, primo tra tutti la necessità di continuare con la costruzione del partito della Convergenza Socialista, unico perno socialista nel panorama politico italiano che ha la capacità teorica e il coraggio pratico di riproporre le lotte e le politiche socialiste attualizzandole.

Abbiamo parlato del futuro del socialismo italiano (socialismo del XXI secolo) e del programma CS: il “Nuovo Stato Sociale“.

Appuntamento, ora, a meta’ settembre.

Convergenza Socialista socialismo sinistra partito socialista CS Nuovo Stato Sociale incontro CS
Incontro Convergenza Socialista
Convergenza Socialista socialismo sinistra partito socialista CS Nuovo Stato Sociale incontro CS
Incontro Convergenza Socialista
Convergenza Socialista socialismo sinistra partito socialista CS Nuovo Stato Sociale incontro CS
Incontro Convergenza Socialista
Convergenza Socialista socialismo sinistra partito socialista CS Nuovo Stato Sociale incontro CS
Incontro Convergenza Socialista
Convergenza Socialista socialismo sinistra partito socialista CS Nuovo Stato Sociale incontro CS
Incontro Convergenza Socialista