Convergenza Socialista socialismo sinistra partito socialista CS Nuovo Stato Sociale Costituzione

UNA VITTORIA DI PIRRO

di Filippo Russo, Rapporti con le Associazioni di Convergenza Socialista

Attenda re Renzi a gioire: questa volta il gioco è stato facile, la “partita” era truccata: hanno ridotto i tempi di votazione, hanno elevato surrettiziamente il quorum, computando anche 4 milioni di italiani all’estero, che ovviamente, a grande maggioranza, non votano, hanno usato la Rai per parlare il meno possibile della questione referendaria e diffondere notizie false, gli stessi proponenti, i 9 Consigli Regionali, non si sono impegnati come avrebbero potuto e dovuto, essendo guidati da uomini del PD, i partiti di Governo, violando per l’ennesima volta lo spirito della Costituzione, hanno fatto propaganda per l’astensione……Il cittadino è libero di votare o meno per un referendum, mentre, secondo la Costituzione, sarebbe obbligato a votare alle Politiche, ma ciò non autorizza a fare propaganda per l’astensione, tanto è vero che, stando alla Costituzione, l’annullamento del Referendum non equivale ad una vittoria del No. Adesso i Consigli Regionali avrebbero il diritto-dovere di reiterare il Referendum.

In autunno il Referendum Costituzionale non prevede un quorum: decideranno coloro che andranno a votare, non coloro che si asterranno. Se prevarranno i Si la Costituzione sarà cancellata, la Democrazia abolita, perché una volta ridotto il Senato ad organo pleonastico, come durante il Fascismo, alle prossime Politiche un solo partito, con il 30% dei voti, otterrà il controllo del Parlamento, così il padrone di quel partito (Renzi, suppongo, o Salvini o Davide Casaleggio, se non vincesse il PD) guiderà il Governo, sceglierà l’inquilino del Quirinale, i giudici della Consulta; allora continuare a parlare di democrazia e rispetto della Costituzione, sarebbe solo ipocrisia o triste ironia.

Ma gli Italiani potrebbero votare No, e se il Senato resterà eletto dai cittadini senza la “trappola” dell’Italicum, la Costituzione sarà salva, la Democrazia avrà resistito all’assalto di re Renzi.

Bisogna riconoscere che l’attuale Primo Ministro è un aspirante dittatore “gentile”, vuole tutto il potere per sé senza sfilate di milizie, senza sferragliare di carri armati, come il suo antico concittadino Cosimo de’Medici vorrebbe che fosse il popolo ad affidarsi a lui, certo egli sa di dover raccontare un po’ di balle, cercherà di spaventare e frastornare gli elettori, si farà aiutare dai suoi padroni stranieri che manovreranno un po’ lo Spread, ma se non staremo al suo gioco, se denunceremo la sua politica eversiva nei confronti dell’ordine democratico, abbiamo buone possibilità di vincere nel referendum d’autunno, salvando così il nostro paese da un’avventura autoritaria.

Alle anime belle degli uomini di Sinistra che vogliono dialogare con Renzi, dico: parlate con l’aspirante tiranno per tutto il tempo che riterrete necessario, ma, se non vi saranno modifiche entro l’estate dell’Italicum, in autunno votate No con noi oppure vi sarete rottamati da voi stessi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...