sanità salute Marigo socialismo anziani

PER CHI, ANCORA, COVASSE ILLUSIONI

di Giandiego Marigo, Politiche abitative e per gli anziani

Ed eccola la nuova idea di Sanità, pronta per il nuovo Medio Evo e la nuova politica dell’abbandono metodico degli ultimi.

Quando ne parlo, anche con compagni conclamati e sicuri; essi stessi, spesso, storcono il naso di fronte alla parola terribile, depopolazione. Termine complottista? Ma davvero! Guardatevi attorno.

Abbandono e perdita degli ultimi.

Il Medio Evo 3.0 delle grandi famiglie (75) che possiedono il mondo.

La nuova aristocrazia elitaria ed il fango che avanza per colorto che via via verranno abbandonati.

Che rabbia, che senso d’impotenza e sento mille chiacchiere. Il Comico Guru,ora Capopopolo e leader che prende in mano il suo movimento di tifosi. Il politico di pseudo-sinistra che ci intrattiene con mille ed una fanfaronata sulla lotta e la partecipazione che non c’è, che non si vede.

Di fronte all’avanzare della barbarie privatitistica, della salute prezzolata, della dirittto alla vitacome merce c’è solo il silenzio. Certo opportunamente qualche leader sindacale e politico dimostrerà il suo sdegno come no! E ti pare che si perda l’occasione di mostrarsi indignati di fronte ad un’ulteriore prevaricazione? Il comico urlerà qualche cosa , come sempre, mentre i suoi si preoccuperanno dei casi loro e dell’affermazione della setta.

E gli ultimi rimarranno da soli, come sempre, come di fronte a troppe occasioni oramai.

24 prestazioni di DaySurgery, quali Tunnel Carpale. La Cataratta, l’Ernia, il Dito a Martello, la ricostruzione, appunto, del cristallino, alcuni interventi in artroscopia ed artroplastica diverranno ambulatoriali ed a pagamento, mentre verrà rivista tutta la politica sui ticket.

La gratuità per la piccola chirurgia e per molti assistenze fondamentali per anziani e disabili divengono uno sfizio che va pagato e così quelli che non hanno nulla, ora, oltre a perdere i denti, cavarseli da soli e masticare con le gengive potranno anche zoppicare liberamente sinchè ce la faranno a camminare ed a vedere. Sto scherzando? Nemmeno un poco.

Certi dell’indifferenza e dell’ignavia delle italiche genti, mentre manipolano la costituzione per privarli dei diritti, costoro tramano per ridurre quel poco che era rimasto della pubblica assistenza.

La Grecia, con la sua storia tragica e commoventa, con il contrabbando delle medicine salvavita e l’emergenza assoluta sanitaria è lì ad un passo. Senza il popolo Greco però, ma noi pensiamo alla Raggi, a Grillo, mentre l’elite cambia il mondo intorno a noi.

L’ho detto spesso, non mi si confonda solo perchè scrivo e faccio politica, non sono un primo, io sono un ultimo, un invalido ho la bocca sdentata, sibilo quando parlo.

Ho una cataratta immanente ed un glaucoma, sono cardipatico (non mi faccio mancare nulla), sono zoppo. So, esattamente, di chi e di cosa sto parlando. Parlo di me e di quelli come me. Parlo dei fragili, degli anziani, degli invalidi, parlo dei poveri che son sempre di più.

Parlo di un mondo che oggi ancora si barcamena, che pensava di salvarsi e che, con questi provvedimenti arriva ad affacciarsi all’orlo del baratro! Come si sta lì in pizzo? Noi stiamo già cadendo da tempo e presto toccherà ad altri, mentre la piattaforma del Welfare si restringe. Sono arrabbiato?

Molto di più sono umiliato, preoccupato. Come me molti, ma davvero molti di più di quanti ci si aspetterebbe. Questo ulteriore restringimento dello stato sociale sarà un massacro e. mi sia concessa la rabbia e la furia, a poco o nulla servirà la voce flebile e sempore meno credibile d’un sindacato che dovrebbe essere, oggi, alla guida di una rivvolta dei lavoratori ed invece s’atteggia fra salotti, televisioni, grandi concerti, crociere caraibiche dai profondi pensieri e politici affermati e rampanti.

Questa ignavia mi offende, mi uccide anche, ma soprattutto m’offende e con me tanti altri. Italiani che sono solo “numeri statistici” alla casella povertà. “Ma tu sei impegnato in un partito!”, mi direte, “perchè parli così?”.

È vero sono impegnato nella rialfabetizzazione dell’area Socialista e ci credo, lo faccio con convinzione ma non sono cieco, almeno per ora e non so per quanto, perchè io i soldi per pagarmi un cristallino nuovo o per farmi la preotesi al ginocchio destro (quello sinistro è già protesizzato) non li ho e non li avrò mai, così come non ho il danaro per farmi una dentiera. Non sono cieco e non sono sordo ed il popolo che difende i suoi diritti, bèh io non lo sento e non lo vedo, per ora. Non sorridete, non sbuffate non c’è proprio nulla da ridere e da sbuffare.

Il tono è concitato? Personalizzato? Certo e di me che sto parlando, della mia vita e dei molti che come me rischieranno la salute sull’altere del nuovo Stato Sociale modello “omicidio e selezione etnica e genetica”. Sull’altare della “salute come merce” della “vita a pagamento”.

La soluzione “Rispondere!” , Non accettare, Resistere. Organizzare resistenza e contropotere. “Solidarity for All”. Emergency si renda conto (lo ha già fatto a Marghera) che anche qui esiste una Frontiera di abbandono e dolore. Mutualismo, Contropotere e se occorre Ribellione e Lotta.

Non possiamo continuare a fingere che il problema non esista, non possiamo continuare a lasciare consumare le iniziative che faticosamente si stanno implementando (Gruppi di Acquisto popolare, Dentista e psichiatria popolare, La rete R@P Rete autorganizzazione Popolare). Queste iniziative devono divenire fronte di resistenza, di auto-organizzazione, di salvezza. Esagero? Neanche in poco. La solitudine dell’ultimo uccide ed il numero impressionante dei suicidi per disperazione è lì a dimostrarlo. Questo vorrei, poter vendere cara la pelle, perchè è di questo che stiamo parlando.

Chiedo scusa ai compagni di Convergenza Socialista che, conoscendoli, ospiteranno comunque questo articolo anche se è concitato e passionale. Chiedo scusa perchè c’è Rabbia, Scorno, l’accoratezza di chi vede il suo tunnel divenire ogni giorno più lungo e più buio. Chiedo scusa a chi legge, che forse avrebbe preferito un’analisi meno “vissuta” e più “politica”, ma io credo che se di socialismo stiamo parlando si stia dicendo anche di questo.

Annunci

Un pensiero su “PER CHI, ANCORA, COVASSE ILLUSIONI”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...