MOLDAVIA E BULGARIA: I PARTITI APPARTENENTI ALL’INTERNAZIONALE SOCIALISTA TORNANO IN PRIMA LINEA

In Moldavia, ex repubblica sovietica ed il più povero Paese del continente in assoluto, le elezioni presidenziali sono state vinte da Igor Dodon, leader del Partito dei Socialisti della Repubblica di Moldavia (PSRM), partito osservatore dell’internazionale Socialista. Dodon ha vinto contro Maia Sandu, ex economista della Banca Mondiale. Dopo diversi anni di corruzione e miseria diffusa, il popolo moldavo sceglie il socialismo all’élite.

Parallelamente, in Bulgaria, le elezioni presidenziali sono state vinte al ballottaggio da Rumen Radev con quasi il 60 per cento dei voti contro la candidata del partito governativo di centrodestra ‘GERB’, Tsetska Tsacheva, che si è fermata al 36 per cento. Radev ha vinto da indipendente sostenuto dal Partito Socialista Bulgaro (PSB) il quale è membro dell’Internazionale Socialista.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...