Convergenza Socialista socialismo sinistra partito socialista Banca

BANCHE. SANTORO (CS): SOSTENIAMO PIENAMENTE L’INIZIATIVA DEL CODACONS SUI DEBITORI INSOLVENTI

“L’iniziativa del Codacons di presentare un esposto alle procure di Roma, Siena, Arezzo, Ferrara, Ancona, Chieti, Vicenza e Treviso affinché si indaghi a fondo sul ruolo e sulle responsabilità dei debitori insolventi che hanno spremuto nel tempo il sistema bancario italiano ha il nostro pieno appoggio”, commenta Manuel Santoro, Segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista, “nella speranza di riuscire a fare chiarezza sui nomi di individui e di società coinvolte.”

“La nostra volontà è che si faccia chiarezza una volta per tutte sulle responsabilità dei debitori insolventi di diverse banche italiane protagoniste in negativo negli ultimi anni”, continua Santoro, “e appoggiamo l’impegno reale del Codacons rivolto a comprendere cosa sia realmente successo, con nomi e cognomi, al Monte dei Paschi di Siena, Banca Etruria, Banca Marche, Carife, Carichieti, Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Vogliamo sapere cosa è successo, chi è responsabile e se ci sono i margini per il reato di concorso in induzione alla bancarotta fraudolenta.”

“Non è più pensabile che azioni potenzialmente fraudolente di questo genere passino ai posteri senza reazione alcuna. Tra i debitori insolventi del Monte dei Paschi di Siena, per esempio, il quotidiano ‘Il Sole24Ore’ ha riportato nomi di individui e di società importanti nel panorama industriale ed editoriale italiano che la dice lunga sullo stato delle cose in questo Paese. Non è più accettabile che questi personaggi continuino a prosciugare il sistema bancario italiano, consapevoli probabilmente di poterla fare franca, e che siano poi i contribuenti a foraggiare la necessaria stabilizzazione di un sistema smunto e in crisi.”

“Se ci sono i margini per azioni penali, come previsto dalla legge vigente, si vada avanti, senza tentennamenti”, conclude Santoto, “ed evitiamo che siano sempre i correntisti, i piccoli azionisti, i titolari di obbligazioni subordinate, i contribuenti italiani a pagarne le conseguenze.”

Annunci

2 pensieri riguardo “BANCHE. SANTORO (CS): SOSTENIAMO PIENAMENTE L’INIZIATIVA DEL CODACONS SUI DEBITORI INSOLVENTI”

  1. Ottimo articolo.
    Sottolineo soltanto l’osservazione di Santoro secondo la quale, la prima operazione assolutamente indispensabile per capire le ragioni del dissesto delle banche è conoscere l’elenco completo dei debitori delle banche stesse che sono rimasti insolventi e ovviamente l’importo del debito insoluto.
    Fino al momento in cui non saremo in possesso di questi dati, tutti i discorsi dei media, degli economisti, delle associazioni di consumatori resteranno del tutto inutili e privi di efficacia pratica.
    Una cosa che non capisco in questa vicenda è il comportamento di quei semplici cittadini creditori delle banche che sono stati palesemente truffati e che, a quanto riesco a vedere nei mezzi di informazione, non hanno promosso azioni giudiziali né in sede penale né in sede civile.
    Comunque l’importante è chiedere alle banche “fallite” di rendere pubbliche tutte le operazioni in modo da poter capire le cause del fallimento.
    Sarà bene fare un piccolo censimento di coloro che nei media e nelle organizzazioni sociali e politiche sono veramente determinati a far emergere la verità dei fatti in questione.

  2. E’ interessante notare come alcuni personaggi menzionati da ‘Il Sole24Ore’, capitani del malato capitalismo italiano, siano sempre coinvolti in questioni opache, poco chiare, malsane. Personaggi dannosi e nocivi per qualsiasi comunità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...