Archivi categoria: Articoli

Articoli sui temi

LETTERA APERTA SUL LODIGIANO

Giandiego Marigo, referente Convergenza Socialista di Codogno (LO)

Le statistiche ci consegnano la verità matematica di un Lodigiano con una incidenza tumorale maggiore persino della Terra dei Fuochi, ma il silenzio ipocrita di un racconto, condiviso, super partes e sotto ogni bandiera, fatto di terra nostra, sana, ubertosa e vivificante accoglie questa verità.

Mentre l’area grigia di retro sagrestia, interpretata di volta in volta dalle diverse finte fazioni che la contraddistinguono, oggi con la Lega, ci prospetta un futuro privatizzato e finanziario anche per la sanità.

Silenzio e mistificazione, la verità è altra.
Continua a leggere LETTERA APERTA SUL LODIGIANO

ARGINARE LE PRIVATIZZAZIONI? UN IMPEGNO, MA LE PAROLE NON BASTANO

di Giandiego Marigo, Dipartimento politiche abitative e per gli anziani

La teoria del complotto ha prodotto, è vero, affermazioni molto sconcertanti, a volte eccessive e fantasiose, ma è difficile trovare un nome diverso per quello che l’asse Formigoni-Maroni sta perpetrando a danno della Sanità e del Welfare Lombardo. Per ora il fenomeno è regionale, come la proposta, ma si sa, la Lombardia è, come la Sicilia per altri aspetti, laboratorio alchemico, banco di prova.

A questo si uniscano i pruriti autonomisti-indipendentisti dell’attuale interprete principale (e del suo staff o giunta che dir si voglia) ed una brutta controriforma … ampiamente fuori dai limiti della costituzionalità, unicamente tesa all’affermazione del privato a danno (procurato ed evidente) del pubblico diventa una mina vagante pericolosissima. Un precedente dannoso ed incivile.

La sostanza della deforma cancella i pilastri fondativi della Riforma Sanitaria n.833 del ’78, che già, per molti aspetti liberava le mani al privato.
Continua a leggere ARGINARE LE PRIVATIZZAZIONI? UN IMPEGNO, MA LE PAROLE NON BASTANO

VERSO IL 25 APRILE. IN OMAGGIO A IRMA ‘MIMMA’ BANDIERA

Irma Bandiera
Irma Bandiera

Irma Bandiera, nome di battaglia Mimma, è stata combattente partigiana nella VII brigata GAP Gianni Garibaldi di Bologna, città liberata il 21 Aprile del 1945.

«Irma Bandiera
Eroina nazionale
1915 – 1944
Il tuo ideale seppe vincere le torture e la morte
La libertà e la giovinezza offristi
Per la vita e il riscatto del popolo e dell’Italia
Solo l’immenso orgoglio attenua il fiero dolore
Dei compagni di lotta
Quanti ti conobbero e amarono
Nel luogo del tuo sacrificio
A perenne ricordo
Posero
»
Continua a leggere VERSO IL 25 APRILE. IN OMAGGIO A IRMA ‘MIMMA’ BANDIERA

SOSTANZIALE O APPARENTE?

di Giandiego Marigo, Dipartimento politiche abitative e per gli anziani

Vi è una grandissima differenza fra la democrazia sostanziale e quella apparente.

Nel nostro paese ed in Europa, sull’esempio tristanzuolo e strumentale di quello che viene definito blocco occidentale ed in ultima analisi delle pseudo-democrazie anglo-sassoni-calviniste ormai al potere nel primo mondo da sin troppi anni, esiste tragicamente evidente un problema di democrazia negata.
È imbarazzante e grottesco come questo avvenga in un substrato di liberalismo vincente, muri crollati e ricostruiti. In un’oggettiva situazione di mancanza di reali oppositori, in assenza di qualsiasi proposta o visione alternativa, che non venga liquidata e trattata come “stato carogna”.
Continua a leggere SOSTANZIALE O APPARENTE?

ANCORA, COME SEMPRE, A SPESE DEGLI ULTIMI FRUITORI?

di Giandiego Marigo, Dipartimento politiche abitative e per gli anziani

Slitta al 2018 l’ultima liberalizzazione.
Non si capisce se per l’inadeguatezza del sistema, ancora farraginoso e sommario o per le vibrate proteste delle associazioni consumatori. Infatti Acu, Adiconsum, Adoc, Adusbef, Assoconsum, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Ctcu Bolzano, Feder- consumatorii, Movimento Consumatori, Lega Consumatori e Unione Nazionale Consumatori hanno ripetutamente e pesantemente stigmnatizzato la scelta liberista del Mercato senza tutele.

La scusa è sempre la solita “Il mercato libero favorisce il consumo” ma a tutt’oggi gli unici favoriti dai mercati liberi sono i produttori monopolistici, le major, tanto per capirci. In Italia poi, particolarmente, la politica delle privatizzazioni non è nemmeno riuscita a rappresentare sé stessa, cioè ad inoltrarsi in un liberismo reale, ma si è impantanata in clientele, amicizie particolari, rendite di posizione e liberismo all’italiana. Mettendo in scena la corsa nei sacchi degli amici degli amici.
Continua a leggere ANCORA, COME SEMPRE, A SPESE DEGLI ULTIMI FRUITORI?

NON C’È LIMITE

di Giandiego Marigo, Dipartimento politiche abitative e per gli anziani

Il grottesco e l’orribile invadono il campo!

Il pensiero unico e la cultura dominante dimostrano tutta la carica di crudeltà e cinismo. Certo è facile per i benpensanti appellarsi alla dichiarazione, banale e strumentale, dell’umana ed individuale responsabilità. Però il modello culturale che l’ha permessa, la qualità spirituale e filosofica che l’hanno supportata, il brodo di cultura in cui è avvenuta sono tutte lì, chiare, precise e crude a testimoniare come certi avvenimenti non siano e non possano essere slegati dal contesto in cui avvengono.

Quindi evidenziano la responsabilità collettiva e pesante del sistema che le sorregge. L’avvenimento è di cronaca, ed è difficele decidere che tipo di narrazione essa sia: é nera? Scandalistica? Sociale? Qualunque essa sia il Mainstream in questo caso è, in qualche modo obbligato a raccontarla quasi giusta. La storia riguarda un primario di ortopedia, si badi, non un giovane Menghele con la turba d’una sperimentazione compulsiva e malata, ma un solido professionista responsabile d’area pubblica, probabilbente, anzi certamente, politicamente ammanicato e sorretto.
Si badi non d’un piccolo ospedale di provincia, perso nel terzo mondo selvaggio, no stiamo parlando di Norberto Confalonieri dirigente sanitario del traumatologico Pini di Milano. Le evidenze sottoposte ad indagine, tramite intercettazione, ci consegnano un funzionario ed un medico corrotto, abituato alla turbativa d’asta, ma soprattutto un uomo senza rispetto e senza alcuna empatia o compassione.
Continua a leggere NON C’È LIMITE

NON È AFFATTO CASUALE. RIFLESSIONI SUL MAINSTREAM E I SUOI SILENZI

di Giandiego Marigo, Dipartimento politiche abitative e per gli anziani

Non è un caso che il Mainstream veicoli, anche fingendo di non farlo o addirittura di ostacolarle, delle “immagini” precise del dissenso. Da una parte il populismo più becero, dall’altra una immagine dell’area Socialista (non la chiamerò sinistra … non ha senso) stereotipa e sotto certi aspetti fissa ed incapace di mutare realmente rinnovandosi nel profondo. Fa gioco al sistema confinare la rabbia in queste due scatole, vanificando il ribellismo in un populismo facilmente manovrabile da una parte e limitando i danni con una immagine 900centesca dell’area alternativa al potere dall’altra. Si sceglie, quindi, di non dare né visibilità né voce agli embrioni di “pensiero socialista” realmente incisivo per valorizzare, invece, le contorsioni di una pseudo-sinistra codista, cameriera, stolta del Sistema e dell’Europa. Non si valorizzano, semplicemente non parlandone affatto, le azioni di auto-organizzazione e solidarietà, di mutualismo e circolarità. Si tacciono e si celano nel silenzio le vere novità e l’ascolto attento di quelle aree “socialiste” che hanno compreso di dover ricominciare dai territori e dall’alfabetizzazione dei motivi reali e dei bisogni.

Si ostacolano anzi, privandole di respiro e di possibilità economiche, mentre si permette di sbraitare occupando lo spazio dell’antagonismo e dell’opposizione ora a questo ora quel Guru, organico e controllabile dal sistema. Risulta ovvio che così facendo si rende doppiamente difficile e senza prospettive reali il lavoro di chi crede ed adotta metodi realmente a-sistemici e fa proposte di reale cambiamento.
Continua a leggere NON È AFFATTO CASUALE. RIFLESSIONI SUL MAINSTREAM E I SUOI SILENZI

L’ALLEANZA LATINO-MEDITERRANEA

di Giandiego Marigo, Dipartimento politiche abitative e per gli anziani

Quest’ Europa è matrigna, ormai ce ne siamo ben resi conto. Il sogno originale dell’Unione fra i popoli, della federazione che controbilanciasse in senso socialista e civile la tracotanza e lo strapotere dei “Gendarmi del Mondo” è decisamente fallito, sull’altare di un “ragionierismo filo-nazista”.

Sì è perso, forse in modo definitivo, in un modello liberista e crudele, che non ama i propri popoli e predilige grandemente le proprie banche. Lanciato in logiche di mercato, folli e disumane che, implicitamente e in segrete stanze, arrivano a teorizzare la depopolazione come forma di recupero della sostenibilità e come risposta all’immanente arrivo della robotica antropomorfa.

Le risposte elaborate dai sovranisti e dai nazionalisti, spesso alleati su discorsi pericolosamente di destra (e dico destra per comodità di comprensione, ma dovrei meglio definirli falsamente innovativi ma profondamente conservatori) sono non risposte. Pericolosamente orientate ad un ritorno al passato ed alla rinascita dei confini e degli stati nazione della fine dell’800.

Peggio alla sostituzione della élite europea e mondiale, con piccole e retrive élite nazionali, uniche padrone di monete presunte sovrane, dedicate ad autarchismi incrociati e difese di tradizioni presunte e campanili.
Continua a leggere L’ALLEANZA LATINO-MEDITERRANEA

SIAMO ANCORA IN GRADO?

di Giandiego Marigo, Dipartimento politiche abitative e per gli anziani

I saluti romani nelle ultime manifestazioni di piazza di sigle sindacali corporative, ambulanti, taxisti e consimili dovrebbero far riflettere. Ammesso e non concesso che si sia ancora in grado di farlo e, di conseguenza, di meditare una reazione decente.

Da una parte interrogarsi sulla debolezza e sullo svuotamento delle sigle sindacali tradizionali, ormai tradunioniste e svendute, attente molto più alle specifiche dei propri Caf e Patronati piuttosto che non al proprio ruolo storico di rappresentanza.

Dall’altra alla pochezza contenutistica di questo ribellismo modaiolo, falso super-partes, anti-politico ma teleguidato e legato al qualunquismo finto-destra. Avvallato, purtroppo, ed implementato non solo da sigle tradizionali quali Forza Nuova o Casa Pound, ma anche dall’ambiguità infinita ed ingannevole di M5S.
Continua a leggere SIAMO ANCORA IN GRADO?

POCO, POCHISSIMO SENSO

di Giandiego Marigo, Dipartimento politiche abitative e per gli anziani

È quasi grottesco e sotto certi aspetti umiliante che l’ANSA definisca l’assemblea Piddina “kermesse della Sinistra”. Per quanto squalificato e inutile possa essere questo vocabolo ormai, per la memoria del suo significato è umiliante essere adoperato in questo contesto. Fra neo-liberisti più o meno radicali

Fra neo-liberisti più o meno radicali.

Tutti costoro, infatti, senza distinzioni hanno votato il Job Act, hanno accettato, implementato e permesso il ruolo attivo del Paese sui quadranti mondiali al fianco della NATO, hanno sprecato parole e teorie fantasiose sulla “Vocazione Maggioritaria” e questo vale, diciamolo anche per i primi fra i pentiti di pseudo-sinistra (mai sentiti in una autocritica) i Fassina ed i Civati, con una ovvia estensione per i supporters, i loro camerieri stolti Vendola, Pisapia e Boldrini.

Davvero che costoro definiscano l’idea di alternativa, diciamolo ancora per capirci, di Sinistra è umiliante ed in qualche modo dipinge il colore esatto e completo della nostra sconfitta nel secolo trascorso e del tentativo di annullamento del dissenso e del “pensiero socialista” in quello nuovo.
Continua a leggere POCO, POCHISSIMO SENSO