Archivi categoria: L’IDEOLOGIA SOCIALISTA

IL DIVORZIO TRA TESORO E BANCA D’ITALIA

di Renato Gatti

Un passaggio nella storia italiana

Il fatto

Secondo alcuni economisti fino al 1981, l’Italia godeva di una piena sovranità monetaria nel senso che la Banca d’Italia acquistava (obbligatoriamente) tutti i titoli emessi dal Tesoro, non collocati presso gli investitori privati. Ora i titoli emessi dal Tesoro erano a tassi di interesse fuori mercato, per cui l’acquisto da parte degli investitori era ridotto ad una piccola quota mentre Banca d’Italia si faceva carico di acquistare tutto l’invenduto.

Con questo meccanismo la spesa per interessi gravava in modo minimale sul bilancio dello Stato, riuscendo nel contempo a finanziare la spesa pubblica.

Il 12 febbraio 1981 il ministro del Tesoro Beniamino Andreatta scrisse al governatore della Banca d’Italia Azeglio Ciampi una lettera che sancì il divorzio tra Tesoro e Banca d’Italia; da quel momento lo Stato dovette cercare sul mercato la collocazione dei propri titoli del debito pubblico (anche se Banca d’Italia continuò, volontariamente stavolta, ad acquistare titoli) ma il collocamento avvenne stavolta a tassi di interesse sensibilmente più alti:
interessi, debito, inflazione indici 1977-1987

Dal grafico sopra riportato si nota:

  • l’incidenza degli interessi sul Pil (serie 1 con il rombo) praticamente raddoppia nel decennio (dal 4.4 al 8.8 nel 1986);
  • il debito sul PIL (serie 2 con il quadratino) passa dal 57.9 all’88,6 (un aumento del 53%);
  • l’inflazione (serie 3 con il triangolo) scende dal 17 (con un picco del 21.2 nel 1980) al 4.7 nel 1987.

Continua a leggere IL DIVORZIO TRA TESORO E BANCA D’ITALIA

Annunci

DUE CONSIDERAZIONI SUL SOVRANISMO

di Renato Gatti

Confesso di essere abbastanza ignorante in fatto di “sovranismo” ed in particolare sulle sue idee fondanti e sulle conseguenti proposte politiche. Mi pare tuttavia di poter capire la richiesta di:

  • non farsi comandare da una burocrazia non eletta ma incaricata dal finanz-capitalismo;
  • riprendersi la sovranità monetaria;
  • ridare piena concretezza alla nostra Costituzione limitando la cessione di sovranità pur prevista, a certe condizioni, dall’art. 11 della costituzione.

Condivido in pieno il primo punto mentre non condivido gli altri due punti, sono cioè disponibile alla moneta unica ed alla cessione di sovranità semprechè il potere deliberante sia assegnato al Parlamento europeo democraticamente eletto, togliendo i poteri alla commissione fatta dai capi di stato o di governo. La ragione principale sta proprio in questo ultimo punto che costituisce la mia prima considerazione.
Continua a leggere DUE CONSIDERAZIONI SUL SOVRANISMO

DIRITTO NATURALE E DIRITTO POSITIVO NELLA REALTA’ CONTEMPORANEA

di Giorgio Pizzol

Esaminando la storia delle dottrine per mezzo delle quali gli studiosi di filosofia, di politica, di dottrine giuridiche, hanno cercato di individuare i fondamenti del “diritto” (dell’insieme delle norme che devono regolare il vivere in società degli esseri umani) incontriamo due grandi correnti di pensiero che si pongono reciprocamente in antitesi: la corrente del diritto naturale o giusnaturalistica e la corrente del diritto positivo o giuspositivistica.

In questa sede non parleremo delle molteplici articolazioni nelle quali ognuna delle due correnti sopra indicate si è espressa nelle varie epoche storiche. Il nostro discorso si limiterà, per ragioni di tempo, ad una descrizione schematica delle tesi principali che ciascuna scuola di pensiero ha sostenuto in merito ai fondamenti del concetto di diritto; e ad alcune riflessioni sul significato teorico e pratico del dibattito su tali tesi ai giorni nostri.
Continua a leggere DIRITTO NATURALE E DIRITTO POSITIVO NELLA REALTA’ CONTEMPORANEA

DECONTRIBUZIONE PER I GIOVANI

di Renato Gatti

Si prospetta una decontribuzione per le assunzioni di giovani il cui tasso di disoccupazione risulta essere preoccupantemente alto.

Il problema è reale, anche se buona parte della disoccupazione giovanile è dovuta alla scarsa (o comunque inferiore a quella degli altri paesi europei) iscrizione all’Università; è chiaro che se più giovani si iscrivessero all’Università avremmo due effetti positivi: diminuirebbe il tasso di disoccupazione, avremmo, potenzialmente, giovani più preparti per rispondere alla domanda di lavori nuovi richiesti dalla rivoluzione 4.0, ammesso che l’istruzione univeritaria si ponga come obiettivo anche quello di formare in funzione di lavori futuri, spesso ignoti allo stato attuale.
Continua a leggere DECONTRIBUZIONE PER I GIOVANI

REVISIONISMI STORIOGRAFICI E DIBATTITO POLITICO

di Marco Moriconi

Storia,storiografia e revisione storiografica

Per affrontare, seppur in sintesi, il tema del revisionismo, occorrono almeno alcune minime premesse tese innanzitutto a riposizionare termini e relativi significati, viste le frequenti semplificazioni giornalistiche.
L’idea della “storia”, fin dall’etimologia del termine (historìa), ha rimandato sia al corso degli eventi che all’indagine e rendiconto su di essi. Tutti noi infatti continuiamo ad usare la parola “storia” in due sensi, indicando con essa sia i fatti accaduti (le res gestae dei latini), sia la narrazione del susseguirsi di tali avvenimenti (la historia rerum gestarum). Quest’ultimo aspetto è più propriamente detto “storiografia”, termine utilizzato in Italia fin dal ‘600. Un primo problema è quindi già costituito dalla relazione tra il fatto storico in sé e l’attività di scrittura sullo stesso, a cui si aggiunge appunto una certa confusione legata all’uso indistinto dello stesso vocabolo per entrambi i concetti.
Continua a leggere REVISIONISMI STORIOGRAFICI E DIBATTITO POLITICO

CINCINNATO O PALLA DI SEVO?

di Renato Gatti

Dopo la batosta del 4 dicembre subita da una nullità arrogante, ci troviamo in una nuova impasse politica coperta da una figura ambigua, tra la fotocopia e l’ambizione ad una propria autonomia, che mi fa tornare alla mente quando, nel novembre 2011, si aprì la fase Monti.

Nel febbraio 2012 pubblicai un post intitolato “Cincinnato e gli Equi”, accostavo la figura di Monti, civil servant, a quella di Cincinnato, chiamato a fare ciò che un disastrato Berlusconi non poteva fare e ciò che un devirilizzato Bersani non se la sentiva di fare. Ecco che allora, di fronte all’impotenza dei politici eletti sorgeva la necessità di sopperire a questo vuoto di potere con soluzioni esterne alla politica che ne testimoniassero il fallimento.
Continua a leggere CINCINNATO O PALLA DI SEVO?

SULLE BANCHE

di Renato Gatti

E’ da anni che ci accartocciamo sul problema banche. Il povero Padoan continua a vedere uscite da tunnel, ma temo che ancora una volta sia ottimista. Le difficoltà di Padoan sono evidenti nel fatto che dopo 10 giorni dall’insediamento il governo Gentiloni ha stanziato i famosi 20 miliardi per le banche. Ora è pacifico che questo decreto è stato ispirato da Padoan, ed è pure plausibile che l’esigenza non gli sia nata in pochi giorni. Ne deduco che per anni il governo Renzi si è rifiutato di fare un decreto che il ministyro del Tesoro richiedeva probabilmente per paura di perdere voti. Gentiloni cui non interessano i voti in pochi giorni l’ha emesso. E ciò la dice lunga su tante cose.

Ma a parte ciò vengo alla prima considerazione elementare. E’meglio il decreto o bisognava far fallire le banche?

La risposta è netta: non si possono far fallire le banche, ma i modi per salvarle sono più di uno. Quindi chi pone l’alternativa “Se non ti sta bene il decreto allora facevi fallire le banche” pecca di prepotenza e illogicità e tenta di far passare senza discutere un decreto che lascia molto perplessi.
Continua a leggere SULLE BANCHE

LE STRATEGIE DEL PD

di Renato Gatti

Due interessanti articoli sono apparsi oggi, 7 luglio, uno sul Sole 24 Ore, l’altro su La Repubblica. Entrambi gli articoli disegnano la strategia economica del prossimo quinquennio da intendersi anche come punti fondamentali della campagna elettorale per le prossime elezioni. L’articolo de Il Sole parla del libro “Avanti” di Matteo Renzi, segretario del PD, l’articolo de La Repubblica parla delle decisioni di palazzo Chigi, ovvero della coppia Gentiloni-Padoan.

In comune c’è il condivisibile obiettivo di opporsi alla trasformazione in Trattato del famoso “fiscal compact”. Come noto il fiscal compact, padre dell’austerità, oltre a ribadire i parametri di Maastricht impone ai paesi membri con un debito superiore al 60% del PIL (oggi come oggi, quasi tutti) di ridurre detto ratio di un 5% l’anno. Ora il ratio debito/PIL si riduce sia diminuendo il numeratore, sia aumentando il denominatore; chiaramente gli effetti sono diametralmente opposti: se si agisce sul debito si mette in moto un processo deflazionista che tende se non a diminuire a tenere fermo il PIL, se invece si agisce sul PIL si mette in moto un processo virtuoso di ripresa del paese. Praticamente il primo è un modello Hooveriano, il secondo un modello Keynesiano.
Ambedue le strategie scelgono di agire sul denominatore ovvero sull’aumento del PIL. Ma dove le due strategie differiscono è sul come operare per aumentare il PIL.
Continua a leggere LE STRATEGIE DEL PD

L’ARCHIVIO DI PIERO GOBETTI. TRACCE DI UNA PRODIGIOSA GIOVINEZZA

di Marco Moriconi

Piero Gobetti, nato nel 1901 a Torino, morto a Parigi nel 1926, è stato uno dei personaggi più significativi e forse uno dei più studiati del Novecento italiano. Il suo archivio personale è conservato nella città natale presso il Centro Studi Piero Gobetti, sito in via Antonio Fabro 6, già abitazione di Piero e Ada Prospero, casa che acquistarono nel 1924 e dove nacque il figlio Paolo (28 dicembre 1925). Casa da cui Piero partì all’inizio di febbraio del 1926 per l’esilio parigino e che fra il 1943 e il 1945, divenne uno dei punti di riferimento dell’antifascismo torinese e una delle sedi clandestine del Partito d’Azione.

Il Centro Studi è stato fondato nel 1961 per iniziativa della moglie, del figlio, della nuora Carla e di alcuni amici di Piero. L’archivio storico è nato contestualmente alla fondazione del Centro Studi, a partire dalle carte di Piero Gobetti che ne costituiscono tuttora il nucleo storicamente più rilevante. Nel corso degli anni esso si è tuttavia arricchito di diversi altri fondi, frutto di donazioni e di acquisizioni, relativi a personalità di spicco dell’antifascismo, a movimenti ed organizzazioni politiche e sindacali. Lo stesso Norberto Bobbio ha affidato al Centro Gobetti, di cui è stato fondatore e primo presidente, la sua biblioteca di studio e le sue carte. Un archivio che costituisce una fonte documentaria di prim’ordine per lo studio e la valorizzazione della figura e dell’opera gobettiana e più in generale degli aspetti culturali e politici del ristretto e particolare periodo storico che va dalla fine della Grande Guerra all’inizio della dittatura fascista. Figura simbolo di un liberalismo progressista, dal carattere eterodosso, Gobetti era dotato di una sensibilità particolare verso il riscatto delle classi lavoratrici, estimatore di Antonio Gramsci e del giornale socialista e poi comunista “Ordine Nuovo”, con aperture verso il movimento operaio, insolite per un liberale, proponendo per il suo pensiero e il suo programma politico il concetto di rivoluzione liberale, oggi considerabile un vero e proprio ossimoro.
Continua a leggere L’ARCHIVIO DI PIERO GOBETTI. TRACCE DI UNA PRODIGIOSA GIOVINEZZA

ALBERTO MORAVIA E LA FAMIGLIA ROSSELLI

di Marco Moriconi

Voglio segnalare un testo passato forse un pò sottotono riguardo al suo valore ed interesse, uscito per l’editore Bompiani, una raccolta di lettere che Alberto Moravia (1907-1990) indirizzò alla zia Amelia Rosselli e ad altri familiari, nel periodo 1915-1951. Il libro, curato da Simone Casini, contiene anche le prime poesie scritte da Moravia.

L’autore era legato per nascita ai fratelli Rosselli, Carlo e Nello, uccisi a Bagnoles-de-l’Orne il 9 giugno 1937 da formazioni locali di estrema destra, su ordine proveniente dai vertici del fascismo, in particolare da Galeazzo Ciano. Con i cugini, con la zia Amelia (1870-1954) e con tutta la famiglia, Moravia intrattenne un costante carteggio, qui raccolto con circa sessanta lettere.
Anche attraverso questi documenti ci è dato di capire che Amelia svolse un ruolo importante se non decisivo nella formazione umana ed intellettuale del giovane Moravia. Gran parte di queste missive furono scritte mentre l’autore si trovava ricoverato in sanatorio a Cortina d’Ampezzo e ci rendono l’immagine di un giovane adolescente molto sensibile e già in fase di formazione letteraria e culturale, favorita anche dalle copiose letture durante la lunga convalescenza.
Continua a leggere ALBERTO MORAVIA E LA FAMIGLIA ROSSELLI