PRIMI PASSI PER LA CREAZIONE DI UN NUOVO STATO SOCIALE

di Rainero Schembri

Nella precedente rubrica intitolata ‘Una possibile azione strategica’ abbiamo suggerito di perseguire cinque scelte operative utili per raggiungere un risultato politicamente rilevante. Cerchiamo ora di approfondire questi suggerimenti.

Obiettivo universale. La Riforma dello Stato Sociale è sicuramente una delle necessità più avvertite dalla società. Ad esso è collegato automaticamente il concetto di reddito di cittadinanza che è qualcosa di completamente diverso dal sussidio di disoccupazione. Il fine ultimo e inderogabile di ogni Stato moderno dovrà essere quello di assicurare comunque e in ogni caso il minimo di sopravvivenza a tutti i cittadini.
Continua a leggere PRIMI PASSI PER LA CREAZIONE DI UN NUOVO STATO SOCIALE

Annunci

POLITICA. SANTORO: LA MENZOGNA DELLA DIMINUZIONE DELLE TASSE

POLITICA. SANTORO: LA MENZOGNA DELLA DIMINUZIONE DELLE TASSE

“E’ incredibile. Un Governo che proclama in pompa magna ben diciotto miliardi di tasse in meno e Padoan, ministro dell’economia, non dei beni culturali, che dichiara che probabilmente, meglio dire sicuramente, le regioni aumenteranno le tasse locali”, interviene Manuel Santoro, segretario politico di Convergenza Socialista.

“Come dire, non è vero niente”, continua Santoro.
Continua a leggere POLITICA. SANTORO: LA MENZOGNA DELLA DIMINUZIONE DELLE TASSE

SOCIETA’. SANTORO: SIAMO PREOCCUPATI PER LE GENERAZIONI FUTURE

SOCIETA’. SANTORO: SIAMO PREOCCUPATI PER LE GENERAZIONI FUTURE

“Per ulteriormente ribadire dove stiamo andando, la Credit Suisse ha rilasciato il rapporto ‘Global Wealth Report’ nel quale si dichiara che l’1% più ricco del pianeta possiede più del 48% della ricchezza globale”, commenta Manuel Santoro, segretario politico di Convergenza Socialista.
Continua a leggere SOCIETA’. SANTORO: SIAMO PREOCCUPATI PER LE GENERAZIONI FUTURE

ADERIAMO ALLA MANIFESTAZIONE DEL 25 OTTOBRE

ADERIAMO ALLA MANIFESTAZIONE DEL 25 OTTOBRE

Il partito della Convergenza Socialista aderisce alla manifestazione nazionale indetta dalla CGIL per il prossimo 25 Ottobre a Roma.

In un Paese in cui è tangibile la progressiva perdita di speranza in un futuro migliore da parte di milioni d’italiani, il Governo sembra sempre più inadatto a risollevare le sorti del Paese e sembra aver perso la bussola della ragione incaponendosi sull’articolo 18, in un progressivo e dannoso spostamento verso posizioni centriste e liberiste. I temi del lavoro, della precarizzazione della vita e dello sfaldamento sociale del Paese sono punti delicati che non possono e non devono essere trattati con superficialità e immodestia politica. E’ necessario ridare un futuro alle generazioni a venire.

A giorni comunicheremo maggiori informazioni sull’orario e sul punto d’incontro della delegazione CS. Per chi volesse partecipare alla manifestazione insieme a noi può scrivere a:
convergenzasocialista@gmail.com

UNA POSSIBILE AZIONE STRATEGICA

di Rainero Schembri

Nel commento precedente dal titolo ‘Non basta internet per fare grande un progetto politico, alla fine ci siamo posti la domanda cosa occorre fare se non si hanno né i mezzi finanziari né i giusti agganci sui gran mass media. Certo non è facile, anzi, è complicatissimo. Tuttavia, proviamo a dare una risposta cominciando col suggerire cinque scelte operative:

  1. Concentrare la maggior parte degli sforzi su un solo obiettivo universale, incisivo, chiaro e largamente auspicato dalla gente;
  2. Elaborare un testo di legge completo, correlato dai decreti attuativi e integrato da autorevoli pareri;
  3. Organizzare delle Giornate a carattere mensile per promuovere il progetto, per consentire alla gente di conoscersi fisicamente (e non solo telematicamente), per mettere in contatto i partecipanti con ospiti illustri ed esponenti della politica, della cultura, della stampa, ecc.
  4. Costituire uno ‘zoccolo duro’ di promotori (almeno 50) che s’impegnano almeno una volta al mese a partecipare agli incontri e a dare il loro apporto all’organizzazione. Questo è un ingrediente decisivo per la riuscita dell’operazione;
  5. Curare nei dettagli un’efficace azione promozionale verso gli organi di stampa e tutta la rete internet (che, come abbiamo detto, da sola non basta ma che rimane sempre un’eccellente veicolo di divulgazione e promozione).

Questi sono gli ingredienti di una possibile azione strategica. Nel prossimo Commento scenderemo più nei dettagli per proporre delle azioni concrete.

NON BASTA INTERNET PER FARE GRANDE UN PROGETTO POLITICO

di Rainero Schembri

Ormai è un luogo comune sostenere che con internet, eBay, facebook, twitter e altri moderni sistemi di comunicazione sia diventato molto più facile farsi conoscere, vendere qualcosa, creare nuove amicizie, misurare il consenso. Ma è veramente così? A guardare bene, le cose stanno in un modo completamente diverso. Se non sei un autore conosciuto puoi mettere il tuo magari splendido romanzo sul sito eBay insieme a tutti gli altri siti analoghi per un anno e probabilmente venderai lo stesso numero di copie di quanto avresti venduto facendo un semplice giro di telefonate agli amici. E a proposito di amici, a che serve avere mille contatti nel mondo se poi quando sei solo non trovi uno solo col quale comunicare qualcosa di veramente importante. Che valore hanno poi le cosiddette cliccate ‘mi piace’? Ormai una cliccata non si nega più a nessuno.
Continua a leggere NON BASTA INTERNET PER FARE GRANDE UN PROGETTO POLITICO

NON SI PARLA DI SOCIALISMO? MEGLIO. IMPORTANTE E’ APPROFONDIRE

di Rainero Schembri

Una volta si diceva che in Italia ci sono sessanta milioni di allenatori di calcio. Ognuno di essi ha in mente la squadra vincente. Lo stesso vale per la politica. A sentire i numerosi interventi nei vari talk show, che ormai sono solo una parata di promozione personale, ognuno sa con certezza come uscire dalla crisi e quali colpe imputare agli altri.
Continua a leggere NON SI PARLA DI SOCIALISMO? MEGLIO. IMPORTANTE E’ APPROFONDIRE

ESSERE TIFOSI NON SIGNIFICA ESSERE SPORTIVI. TUTT’ALTRO.

di Rainero Schembri

Spesso sui giornali o in televisione sentiamo l’espressione ‘gli sportivi italiani’. Niente di più fuorvianti. Quelli che vanno allo stadio o stanno comodamente seduti davanti alla televisione non sono sportivi ma solo ‘tifosi’. Essere sportivi è tutta un’altra cosa. Gli italiani generalmente non sono sportivi innanzitutto perché pochi praticano lo sport. Secondo un‘indagine dell’Istat il 42% della popolazione è completamente sedentaria. Meno di 18 milioni svolgono una qualsiasi attività sportiva nel tempo libero.
Continua a leggere ESSERE TIFOSI NON SIGNIFICA ESSERE SPORTIVI. TUTT’ALTRO.

LAVORO E RIEQUILIBRIO SOCIALE

di Roberto Spagnuolo

Il valore della solidarietà è tanto importante da risultare inserito in Costituzione ma la sua attuazione lascia ancora molto a desiderare.

La competizione per il potere politico si è finora servita delle differenze sociali continuando ad alimentarle per sfruttare il pluralismo a fini settoriali, sino ad esaurire le risorse produttive del Paese. Il pluralismo sociale e culturale ormai non ha rappresentanza politica omogenea, né le politiche sociali sono un settore a sé ma sempre più da coordinarsi con le politiche del lavoro.
Continua a leggere LAVORO E RIEQUILIBRIO SOCIALE

UNA SCUOLA PER TUTTI? COSI’ SI REGOLANO FRANCIA E BRASILE

di Rainero Schembri

Finalmente si è compreso in Italia che l’istruzione e la formazione professionale sono una priorità ineludibile. Il problema è che non si è capito ancora a quale tipo di scuola ci ispiriamo, quali sono gli obiettivi finale, in che modo cercheremo di evitare che l’insegnamento, a tutti i livelli, sia un elemento discriminante basato essenzialmente sul reddito delle famiglie. Anche in questo caso forse è bene guardare ciò che avviene all’estero. Prendiamo ad esempio due Paesi molto diversi: Francia e Brasile.
Continua a leggere UNA SCUOLA PER TUTTI? COSI’ SI REGOLANO FRANCIA E BRASILE

Partito politico socialista aderente al 'Forum europeo delle forze progressiste' (Partito della Sinistra Europea)