Archivi tag: Bolivia

AMERICA LATINA VERSUS EUROPA: LE NUOVE COSTITUZIONI AMERINDIE E LA NOZIONE DI CITTADINANZA NEGLI ORDINAMENTI OCCIDENTALI

di Annamaria Carrese, Dipartimento politica estera – America Latina

Nel 2007, per la prima volta nella storia costituzionale della Bolivia, la nuova carta magna riconosce il carattere plurinazionale dello Stato e garantisce i diritti, finora ignorati, di circa due terzi della popolazione di etnia indigena.

La Bolivia si definisce, nel nuovo ordinamento, una società plurale e pluralista che promuove i principi valoriali ed etico-morali del suma-qamaña (“vivir bien”) o “buen vivir”).

Seguendo l’esempio della Bolivia, anche l’Ecuador ha approvato, l’anno successivo, il progetto della nuova costituzione chiamando la popolazione ad esprimersi attraverso un referendum.
Continua a leggere AMERICA LATINA VERSUS EUROPA: LE NUOVE COSTITUZIONI AMERINDIE E LA NOZIONE DI CITTADINANZA NEGLI ORDINAMENTI OCCIDENTALI

Annunci

BOLIVIA TRA CAMBIAMENTI POLITICI ED ESPERIENZE SOCIALI

di Annamaria Carrese, Dipartimento Esteri – relazioni con l’America Latina

Il 20 settembre 2015, durante l’ultimo incontro di Convergenza Socialista, avevo concluso il mio intervento con il bellissimo discorso di José Mujica al G20 del 2012, in Brasile. E voglio collegare i temi affrontati dal Presidente uruguayano a proposito del clima, dell’economia e dell’ambiente presentando oggi i ragguardevoli risultati ottenuti in Bolivia dalle politiche di Evo Morales. Parlare di Morales è molto importante ed attuale, non solo per i successi ottenuti dalle iniziative intraprese in questi dieci anni in Bolivia e per l’approvazione anche esterna che queste politiche hanno suscitato, ma anche perché il Presidente boliviano è in prima linea nella lotta alle cause che hanno portato ai cambiamenti climatici di cui si sta discutendo a Parigi. Morales ha già espresso il suo parere e parlato dei suoi piani in questo senso alla Conferenza Mondiale dei Popoli sui Cambiamenti Climatici, tenutasi a Tiquipaya in Bolivia lo scorso ottobre, definendo il capitalismo “un cancro per la Madre Terra”.
Continua a leggere BOLIVIA TRA CAMBIAMENTI POLITICI ED ESPERIENZE SOCIALI

DAL SOCIALISMO LATINO-AMERICANO ALL’EUROPA: UNO SGUARDO AL FORO DE SAO PAULO

Relazione di Annamaria Carrese, Responsabile Relazioni con l’America Latina

Il Foro di São Paulo, fondato dal Partido de los Trabajadores de Brasil, a São Paulo nel 1990, è tuttora, a distanza di 25 anni, occasione di incontro e di discussione per gruppi e partiti della sinistra latinoamericana. Negli intenti dei suoi fondatori, vi erano infatti l’osservazione e la discussione dello scenario internazionale e delle conseguenze del neoliberalismo nei Paesi latinoamericani e dell’area caraibica, nonché di un piano di azione comune per le trasformazioni sociali nella regione. Nel 1990 c’era un solo partito di sinistra al governo, il Partito Comunista di Cuba. Oggi, in più di 10 Paesi al governo vi sono i partiti che ne fanno parte. Agli incontri assistono anche partiti e movimenti sociali di sinistra di altre regioni del mondo (come Europa e Asia), i quali hanno voce ma non voto, a meno di commissioni speciali.
Continua a leggere DAL SOCIALISMO LATINO-AMERICANO ALL’EUROPA: UNO SGUARDO AL FORO DE SAO PAULO

L’AMERICA LATINA SUGGERISCE UN’ALTRA EUROPA POSSIBILE

di Rainero Schembri

Recentemente, su iniziativa del Movimento 5 Stelle è stato organizzato nella nuova aula dei Gruppi Parlamentari un incontro per discutere sul fenomeno ALBA, (Alternativa Bolivariana per le Americhe) al quale hanno partecipato diversi diplomatici, studiosi, ricercatori e alcuni giornalisti. Ma cos’è l’ALBA? E’ un progetto di cooperazione politica, sociale ed economica siglato il 14 dicembre del 2004 tra i Paesi dell’America Latina e i Paesi caraibici, promossa da Venezuela e Cuba in alternativa all’Area di libero commercio delle Americhe (Alca) voluta dagli Stati Uniti. Ne fanno parte Antigua e Barbuda, Bolivia, Cuba, Dominica, Ecuador, Nicaragua, Saint Vincent, Grenadine e Venezuela.
Continua a leggere L’AMERICA LATINA SUGGERISCE UN’ALTRA EUROPA POSSIBILE

DAL SOCIALISMO SUDAMERICANO AL SOCIALISMO EUROPEO. LA NOSTRA STRADA

di Manuel Santoro

Sino a pochissimi anni fa criticare il socialismo europeo era considerato, dai socialisti stessi, un’eresia, un affronto inconcepibile e impensabile. Si veniva tacciati come estremisti e come antieuropeisti.

Esattamente come pochissimi anni fa, e sicuramente con più coraggio di allora, continuiamo a criticare con forza il defunto socialismo europeo e ricerchiamo i semi primordiali, gli spunti iniziatori di una sua rifioritura sulle basi di un socialismo protagonista e non succube del grande capitale e della grande finanza. Questo perché vogliamo bene all’idea di Europa e agli europei.
Continua a leggere DAL SOCIALISMO SUDAMERICANO AL SOCIALISMO EUROPEO. LA NOSTRA STRADA

SIAMO SICURI CHE PRIVATIZZARE E’ SEMPRE BELLO? PER LA BOLIVIA NO

di Rainero Schembri

Come in quasi tutto il mondo occidentale anche in Italia è passato il discorso che il ‘pubblico’ fa inevitabilmente rima con inefficienza, spreco, clientelismo, partitocrazia, favoritismo, regno dei lavativi ecc., ecc. Al contrario, il ‘privato’ sarebbe sinonimo di efficienza, concorrenza, bassi costi e modernità. Fu proprio con questa ‘filosofia’ che a partire dagli anni Ottanta è iniziato in Italia il lungo processo di privatizzazione delle imprese di proprietà pubblica o a partecipazione statale (Iri, Efim): un processo superato solo da Giappone e Gran Bretagna. Pensiamo alla cessione dell’Alfa Romeo a Fiat, di Lanerossi al gruppo Marzotto, per poi passare alle privatizzazioni di IMI, INA, delle tre banche di interesse nazionale, di Aeroporti di Roma, Telecom, parte di Eni ed Enel, Alitalia, Autostrade, ecc.
Continua a leggere SIAMO SICURI CHE PRIVATIZZARE E’ SEMPRE BELLO? PER LA BOLIVIA NO