Archivi tag: curdi

ROMA: INCONTRO CON LA COMUNITA’ CURDA

Domenica 13 Dicembre, una delegazione di Convergenza Socialista incontrerà la comunità curda romana per definire i dettagli di un lavoro di aiuto e di volontariato che ci vedrà coinvolti nei prossimi mesi.

I membri di CS coinvolti insegneranno la lingua italiana ad una comunità i cui membri sono, oggi, emarginati dalla nostra società, dalla politica italiana. Convergenza Socialista farà il possibile per aggredire queste ingiustizie umane e sociali che nessun’altra organizzazione politica, nessun altro partito ha il coraggio di affrontare.

Organizzeremo, tre volte a settimana, lezioni di italiano. Una volta a settimana proietteremo un film in italiano con susseguente dibattito. Infine, daremo assistenza diretta per tutti gli aspetti burocratici ed amministrativi.

Annunci

L’EUROPA E LA GUERRA ASIMMETRICA

di Manuel Santoro

Il dramma francese è l’ultimo di una serie di tragedie umane vissute negli ultimi decenni. Tragedie volute ed attuate da organizzazioni militari, ISIS (Daesh) la più feroce, nate e cresciute con il nostro aiuto, il nostro diretto concorso, le nostre azioni miopi ed egocentriche, nel nome della sicurezza nazionale e degli interessi economici e politici di parte. Armare alcuni per eliminare altri. Bombardare per conquistare, anche solo corporativisticamente.
Continua a leggere L’EUROPA E LA GUERRA ASIMMETRICA

NOI NON DIMENTICHIAMO

di Annamaria Carrese

L’arrivo del presidente turco in Belgio è stata un’occasione per Amnesty di ricordare ai dirigenti belgi che i diritti umani in Turchia sono tutt’altro che rispettati.

“All’inizio di questa settimana il Belgio ha accolto in pompa magna il presidente turco Recep Erdogan, a un mese dalle nuove elezioni legislative in Turchia”, dice Jenny Vanderlinden, coordinatrice per la Turchia di Amnesty Belgio, intervistata da Brian May di Retour. “L’obiettivo ufficiale del presidente turco era quello di una visita di Stato in occasione dell’inaugurazione di Europalia Turchia. Sicuramente fra i suoi intenti vi è stato anche quello di portare alla sua causa la comunità di origine turca in Belgio. Egli è stato ricevuto con tutti gli onori dal re e dalla regina, dai governanti e dalle più alte autorità. Un’occasione, per Amnesty, di ricordare a questi ultimi che i diritti umani in Turchia non sono rispettati”.
Continua a leggere NOI NON DIMENTICHIAMO