Archivi tag: Di Maio

Poveri contro poveri, oppressi contro oppressi. Non cadiamo in questa trappola

Compagne, compagni,

ci sono ancora sentimenti quali coraggio e solidarietà tra normali cittadini nei confronti di loro simili. Tutti parte dello stesso campo degli oppressi.

È da qui che deve ripartire la lotta contro chi in questi decenni ha distrutto paesi, conquistato terre, rubato materie prime, si è arricchito lasciando poi intere popolazioni allo sbando, nella miseria più assoluta.

I populisti, i razzisti sono quinte colonne dei capitalisti, dei liberisti poiché vogliono mettere i poveri contro i poveri, gli oppressi contro gli oppressi, donne e uomini contro donne e uomini. Non cadete nel loro gioco!

Sino ad oggi abbiamo combattuto politicamente i governi liberisti, oggi combatteremo quelli populisti e falso-sovranisti.

I nostri avversari politici non sono i migranti ma coloro che hanno depredato le loro terre attivando così la migrazione di massa.

Annunci

Recessione. Santoro (CS): la sinistra ritrova se stessa sul tema del lavoro

“L’ultimo strumento di distrazione di massa è la questione Battisti, il quale si va ad aggiungere al tema migranti per distrarre appunto da ciò che non viene mai menzionato: la questione lavoro”, commenta Manuel Santoro, segretario nazionale di Convergenza Socialista. “Tante inutili parole sulla questione Battisti che da un paio di giorni ha dirottato l’attenzione di milioni di italiani, e nulla sul tema lavoro.”

“Non una parola sulla stagnazione evocata dal Ministro Tria e nulla sulla probabile recessione dell’Italia. Altro che boom economico fantasticato da Di Maio. Stiamo messi male e la sinistra deve e può ritrovare se stessa solo iniziando a discutere seriamente e costantemente del tema del lavoro e dello scontro tra capitale e lavoro”.

“Non ci sono altre vie, non ci sono altre strade che possano permettere alla sinistra, alle forze dell’alternativa di sistema, di riprendere contatto con la realtà di tutti i giorni”, continua Santoro. “Il tema è il lavoro, lavoro e lavoro. Tema da affiancare all’emersione delle contraddizioni interne al sistema economico capitalista e al riavvicinamento al nostro popolo fatto di lavoratori salariati, di precari,  di disoccupati, di giovani e donne.”

“E’ tempo, quindi, di riprendere un cammino il quale richiede una ripresa di contatto con la realtà quotidiana e con le nostre classi sociali di riferimento. E solo sul tema lavoro la sinistra può ritrovare se stessa”, conclude Santoro.

Reddito di cittadinanza. Santoro (CS): la perenne schiavitù del lavoratore salariato

“Invece di portare il lavoro dove manca, si portano i lavoratori dove il lavoro esiste”, commenta Manuel Santoro, segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista. “Nell’eterno conflitto tra capitale e lavoro è sempre il lavoratore che rimane fregato.”

“Il reddito di cittadinanza ricorda un po’ la buona scuola renziana. Immaginatevi ora un posto di lavoro a 100 chilometri nei primi sei mesi di fruizione del reddito, 250 chilometri tra il sesto e il diciottesimo, ovunque in Italia dopo il diciottesimo mese. Beneficio, da quello che si legge, rinnovabile per un ulteriore uguale periodo.”

“La perenne schiavitù del lavoratore salariato”, continua Santoro, “il quale dovrà percorrere tanti chilometri, trasferirsi con tutta la famiglia (dai 18 ai 36 mesi anche con minori a carico) oppure lontano dalla famiglia per un posto di lavoro mentre il datore non muove un passo. Anzi. Un lavoratore collocato significa soldi per le aziende, soldi per le agenzie per il lavoro che li hanno collocati, soldi per gli enti di formazione.”

“Una domanda”, conclude Santoro. “Sono stati valutati gli impatti demografici per il Mezzogiorno?”

Manovra. Santoro (CS): il Governo a passo di gambero

“Salvini e Di Maio, includendo anche Conte nel ragionamento, ci ripensano. Non più una linea da duri e puri in Europa ma sulla manovra, ora, si può ragionare”, commenta Manuel Santoro, segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista. “Il rapporto deficit/Pil del 2,4% non è più intoccabile ma, visto la bocciatura della manovra da parte dei tecnocrati europei, un ritocchino al ribasso, secondo loro, ci può stare. Dopotutto, come abbiamo già avuto modo di dire, questo Governo è forte con i deboli e debole con i forti. E la nomenclatura europea, i guardiani del liberismo globalista, sono forti.”

“Il governo, quindi, per salvare la faccia per un dietrofront palese, si nasconde dietro il ‘non difenderemo i numerini’, i decimali. Jean-Claude Juncker è stato chiaro con il premier Conte e il Ministro dell’Economia Tria, ovvero si deve abbassare quel 2,4%. E avevo detto sin da subito che quel 2,4% era molto timido in termini di investimenti mentre si focalizzava sulle promesse elettorali strabilianti dei partiti di governo. Ma sul serio si pensa che la flat tax giovi ai 5 milioni di poveri assoluti di questo Paese? Oppure, come è certo, ai piccoli capitalisti del nord, elettori accaniti della Lega? Si pensa veramente che il reddito di cittadinanza serva per attutire i morsi della fame di chi è in difficoltà, oppure per gestire gli elettori del M5S?”

“Il buon senso e la ragionevolezza di oggi sostituiscono il duro e il puro di ieri”, conclude Santoro, “e vedremo nelle prossime settimane se sarà un bluff oppure una ritirata bella e buona.”

Giustizia. Santoro (CS): manca una riforma seria ed esaustiva per tagliare i tempi della giustizia

“Immaginatevi un innocente nell’inferno della macchina della giustizia italiana, con i suoi tempi biblici, senza più la prescrizione dopo il primo grado, come proposto dal M5S,” commenta Manuel Santoro, segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista. “L’imputato rimarrebbe eternamente imprigionato all’interno della lenta macchina della giustizia, con magistrati non più forzati ad accelerare il loro lavoro/dovere. I tempi della giustizia diventerebbero ancora più lunghi poiché la magistratura, libera dall’incombenza della prescrizione che de facto vanifica un lavoro lungo anni, se la prenderebbe comoda costringendo l’imputato a rimanere ostaggio di un sistema che non funzionerebbe comunque.”

“La prescrizione non dovrebbe essere neanche una questione di discussione. Il nostro obiettivo rimane quello di ottenere un sistema giudiziario profondamente riformato in modo tale da ottenere uno svolgimento dei processi in tempi rapidi. Quindi, focalizzare il dibattito parlamentare sulla prescrizione senza una esaustiva riforma della giustizia non ha alcun senso. Rientra nel modus operandi di questo governo, ovvero pura propaganda politica.”

“Si dovrebbe, invece, ripensare i codici riformulando ciò che è reato e le relative pene”, continua Santoro, “rivedere e modificare le procedure interne che allungano i tempi, in modo tale da cercare di snellire la perenne emergenza del sovraccarico giudiziario e accorciare sensibilmente i tempi dei processi.”

“L’onere di completare correttamente il percorso giudiziario in tempi brevi è della magistratura, non di altri,” conclude Santoro. “La questione, quindi, non è nell’esistenza o meno della prescrizione così come formulata oggi, ma nella necessità di una completa revisione delle modalità e dei tempi in cui si completano i tre gradi di giudizio.”

Ilva. Santoro (CS): ArcelorMittal deve fare chiarezza sui livelli occupazionali

“Il mio disappunto sulla questione Ilva è totale”, commenta Manuel Santoro, segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista. “Avevo già espresso i miei dubbi a Settembre sull’intesa di cessione raggiunta tra ArcelorMittal, i sindacati e il ministro dello Sviluppo Luigi Di Maio ponendo la questione ambientale e rimarcando come l’accordo non tenesse conto della questione delle fonti inquinanti. L’’Ilva di Taranto è de facto a ridosso della città e del quartiere Tamburi.”

“Alle mie vive preoccupazioni sulla questione ambientale devo registrare ahimè le altrettanto serie preoccupazioni sui livelli occupazionali della ex Ilva, ora ArcelorMittal Italia. Si è manifestata, infatti, una seria mancanza di chiarezza sulle modalità usate per la messa in cassaintegrazione di 2600 lavoratori, comunicazione arrivata tra l’altro via web, senza alcun incipit di dovuta cortesia nei confronti di persone, non di animali o di cose. Modi unilaterali, osceni, violenti che richiedono come risposta una dura battaglia politica.”

“Come forza politica faremo il possibile per denunciare e dare una mano ai lavoratori ‘scartati’ come pacchi postali. I sindacati e il governo facciano la loro di parte. Non ho alcuna fiducia nel governo di questo Paese ma i sindacati hanno il dovere di lottare con e per i lavoratori, e richiedere, come Convergenza Socialista pretende, massima chiarezza e trasparenza sulle modalità di scelta degli assunti e dei collocati in Cigs.”

“Le forze in campo avrebbero dovuto fare altre scelte”, conclude Santoro, “ma oramai siamo nelle fasi finali di un processo che richiede massima attenzione e assolute assicurazioni sui livelli occupazionali. I sindacati facciano il loro lavoro sfruttando al massimo l’incontro al Mise di Giovedì 8 Novembre.”

Emergenza. Santoro (CS): i condoni hanno distrutto l’Italia

“La lista dei condoni è certamente lunga e questo Governo sta facendo di tutto per allungarla ulteriormente”, commenta Manuel Santoro, segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista. “I disastri che hanno colpito la nostra penisola in questi giorni sono il frutto di decenni di malaffare, e di un tessuto culturale truffaldino che costantemente vede nel condono la soluzione immediata a mali strutturali. Il condono denominato ‘pace fiscale’ e il condono su Ischia sono misure che contribuiscono a distruggere quello che è rimasto della credibilità della classe politica.”

“Le misure di questo Governo in materia di condoni confermano che la classe politica non può distinguersi tra onesti e disonesti, poiché le donne e gli uomini che in questo frangente storico stanno servendo il Paese sono il frutto di un terreno culturale predominante. Esattamente come chi ha servito in passato, l’aspetto culturale vince sui proclami di onestà delle forze politiche presenti nelle istituzioni repubblicane.”

“Non c’è nessun cambiamento con questo Governo”, continua Santoro, “ma solo escamotage lessicali per distrarre gli elettori dalla verità. Ricordiamo tutti lo scudo fiscale del Governo Berlusconi del 2009, promulgato per gli evasori con i soldi all’estero. Ricordiamo tutti il condono Tremonti del 2003 e l’entusiasmo dell’allora ministro delle finanze il quale dichiarava di un ritorno alla legalità, di un successo del Governo. Di Maio, Salvini e Conte useranno le stesse parole poiché, ne sono sicuro, rivendicheranno il successo per i condoni approvati.”

“Attendiamo, quindi, altri condoni”, conclude Santoro, “e aspettiamoci un’Italia sempre più sommersa dal degrado ambientale, dalla furbizia fatta policy di governo e dalle tragedie come quelle degli ultimi giorni”.

Condono Ischia. Santoro (CS): governo e opposizione, quando il bue dà del cornuto all’asino

“E’ veramente paradossale assistere all’esame alla Camera del decreto Genova e sentire i parlamentari del PD urlare onestà nei confronti del M5S sul condono Ischia”, commenta Manuel Santoro, segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista, “quando solo pochi mesi fa le parti erano invertite, in Aula e nelle piazze. E’ proprio il caso di dire quando il bue dà del cornuto all’asino. Scene imbarazzanti per il governo e per le opposizioni, per i cittadini e per il Paese tutto.”

“Non che il PD non abbia ragione, e personalmente butterei dalla torre entrambi, governo e opposizione. Il condono edilizio per l’isola di Ischia, contenuto nel decreto su Genova, grida vendetta e onestà sul serio, ma tale monito non può venire dal PD. Il M5S è molto cambiato negli ultimi mesi e molti dei suoi sostenitori stanno cambiando opinione in fretta. Ho sempre avuto un’opinione assolutamente negativa del movimento grillino, anche quando molti socialisti e gente di sinistra si lasciavano abbindolare dalla retorica dei seguaci della Casaleggio Associati.”

“Il condono edilizio nell’isola di Ischia, comunque sia, non deve passare”, continua Santoro, “così come qualsiasi altro condono questo governo abbia in mente di approvare. Sappiamo tutti che Ischia è il collegio del Ministro Di Maio, ma se il condono dovesse passare sarebbe una vergogna.”

“Comunque vada”, conclude Santoro, “spero che questi osceni spunti legislativi inducano i cittadini a comprendere che questo governo è imbroglione e disonesto quanto quelli precedenti, e che se si vuole una vera alternativa bisogna affrontare la questione etica e morale in questo Paese.”

L’unica Europa possibile è socialista

È evidente a tutti come la fetta di popolazione più indifesa sia oggi molto più impoverita rispetto a dieci anni fa.

È altresì evidente come la classe media abbia subito uno smottamento sensibile verso il basso e che la ricchezza si sia andata concentrando in poche mani.

La responsabilità è di tanti, ad iniziare dagli ultimi governi, e di questa Europa, certamente costruita male ma sviluppatasi malissimo. Non mi stupisco, quindi, che solo il 44% degli italiani, oggi, voterebbe per restare nell’Unione Europea.

Salvini e Di Maio renderanno probabilmente il Paese più povero e, ovviamente, sono da considerarsi un serio problema, non certo la soluzione.

L’unica soluzione rimane il socialismo. L’unica Europa possibile è socialista.

Manuel Santoro

Riace. Santoro (CS): l’arresto di Lucano in un Paese sommerso dal malaffare con un ministro incompetente

“Con tutti i corrotti, i corruttori, i ladri, gli evasori, tutti italianissimi, con la mafia, la camorra, la ‘ndrangheta pienamente operative e tutto Made in Italy si intende, la guardia di finanza arresta Mimmo Lucano. Che colpo! Complimenti”, commenta Manuel Santoro, Segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista.

“Ora sì che si intravede il Paese che piace a Salvini e Di Maio. Ora sì che l’Italia sarà più sicura, finalmente immune dal malaffare. Sono mesi che la retorica del Governo, di chiara natura salviniana sulle questioni dell’immigrazione, distrae le masse usando l’escamotage dei migranti e millantando un inesistente contrasto alle mafie e al malaffare. Tutto fumo e niente arrosto, Ministro Salvini.”

“Eppure di ladri, corrotti e corruttori nel centrodestra ne abbiamo conosciuti e ne conosciamo diversi”, continua Santoro, “qualcuno è anche stato capo di Governo e Ministro. Ricordiamo con fermezza, sempre, da dove viene Salvini, chi è Salvini, chi sono i suoi compagni di merenda all’interno della coalizione di centrodestra. Ricordiamo sempre le condanne passate in giudicato.”

“La mia idea tra onestà e malaffare, tra italiano e straniero non cambia”, conclude Santoro, ”e rimango dell’opinione che è sempre meglio un immigrato onesto che un italiano ladro, corrotto, corruttore…evasore”.