Archivi tag: Ideologia socialista

DIRITTO NATURALE E DIRITTO POSITIVO NELLA REALTA’ CONTEMPORANEA

di Giorgio Pizzol

Esaminando la storia delle dottrine per mezzo delle quali gli studiosi di filosofia, di politica, di dottrine giuridiche, hanno cercato di individuare i fondamenti del “diritto” (dell’insieme delle norme che devono regolare il vivere in società degli esseri umani) incontriamo due grandi correnti di pensiero che si pongono reciprocamente in antitesi: la corrente del diritto naturale o giusnaturalistica e la corrente del diritto positivo o giuspositivistica.

In questa sede non parleremo delle molteplici articolazioni nelle quali ognuna delle due correnti sopra indicate si è espressa nelle varie epoche storiche. Il nostro discorso si limiterà, per ragioni di tempo, ad una descrizione schematica delle tesi principali che ciascuna scuola di pensiero ha sostenuto in merito ai fondamenti del concetto di diritto; e ad alcune riflessioni sul significato teorico e pratico del dibattito su tali tesi ai giorni nostri.
Continua a leggere DIRITTO NATURALE E DIRITTO POSITIVO NELLA REALTA’ CONTEMPORANEA

Annunci

ALLE RADICI DEL SOCIALISMO ITALIANO: RODOLFO MONDOLFO E L’UMANESIMO MARXISTA

di Daniele Colognesi, Dipartimento sulle politiche per l’università e la ricerca

Esattamente centoquaranta anni fa, nel 1877, nasceva a Senigallia (in provincia di Ancona) Rodolfo Mondolfo, uno dei più grandi interpreti italiani di Marx e forse anche uno dei filosofi più dimenticati del secolo scorso. Era l’ultimo di quattro fratelli di una famiglia di origine ebraica; il terzo di essi si chiamava Ugo Guido (1875-1958) e fu un importante dirigente socialista vicino a Filippo Turati e a Giuseppe Emanuele Modigliani, nonché un valido professore di storia nei migliori licei del paese.

La formazione del giovane Rodolfo, sia dal punto di vista accademico che da quello politico, avviene a Firenze, proprio sulle orme di Ugo Guido, che vi si era laureato in lettere nel 1896. Infatti è in questa città che il nostro autore entra in contatto con un gruppo di studenti che si ritrovano abitualmente presso l’abitazione di Ernesta Bittanti, futura moglie di Cesare Battisti, tra i quali figurano lo stesso Battisti (all’epoca studente di geografia) e il famoso Gaetano Salvemini. Con loro e con un più vasto gruppo di giovani intellettuali fiorentini appassionati di sociologia e di storia contemporanea, Rodolfo matura un interesse per il socialismo e, infine, prende la decisione insieme a suo fratello di aderire al partito da poco formato. Contemporaneamente però studia con grande impegno sotto la guida di insegnanti di prim’ordine: Pasquale Villari per la storia, Gerolamo Vitelli per la letteratura greca antica e, forse il più influente su di lui, Felice Tocco per la filosofia e la psicologia. Sarà infatti proprio la filosofia che Rodolfo sceglierà come passione e professione di tutta la vita, laureandosi con una tesi sul sensismo di Étienne Bonnot de Condillac nel 1899.
Continua a leggere ALLE RADICI DEL SOCIALISMO ITALIANO: RODOLFO MONDOLFO E L’UMANESIMO MARXISTA