Archivi tag: informazione

SANTORO (CS): COSTITUZIONE, INFORMAZIONE E MIGRAZIONE. TRE PUNTI DA PORTARE AL GOVERNO

“Il nostro obiettivo è incentivare riforme strutturali socialiste”, commenta Manuel Santoro, Segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista, “che annullino l’imposizione delle politiche di austerità e promuovano il primato della politica sulla finanza. E’ per noi fondamentale capovolgere profondamente l’idea di Europa, le sue funzioni, i suoi vincoli, iniziando dal Fiscal Compact e dal Patto di stabilità e crescita, sino ad arrivare alla creazione di una rete bancaria pubblica e socialmente utile, e all’utilizzo di un indice di qualità, e non solo di quantità come il PIL, che ci permetta di descrivere un nuovo modello di sviluppo basato sull’equità e sulla sostenibilità.”

“In una Italia che cade a pezzi e in una Europa incerta sui passi da compiere”, continua Santoro, “è nostro compito ripensare le politiche di governo locale, nazionale ed europeo in modo tale da ricostruire un welfare di ‘pubblica utilità’ che punti ad assicurare il necessario a tutti, uomini e donne. Riforme appunto strutturali ma socialiste, atte cioè a incentivare un progressivo potenziamento della funzione e del ruolo del pubblico nella nostra società.”

“Ci sono tre problematiche importantissime da affrontare nel nostro tempo”, continua Santoro, “a iniziare dall’applicazione della Costituzione italiana e dalla salvaguardia della tenuta democratica di questo Paese. Quando si piegano le maglie delle regole democratiche viene meno la possibilità di giocarsi la partita politica su basi eque così come viene meno la possibilità che offerte politiche alternative abbiano la possibilità di emergere, di essere valutare e discusse e, infine, di approdare nelle istituzioni. Modificare le regole democratiche “ad partitum” e disattendere al dettato costituzionale evitando di attuare importanti articoli costituzionali rendono la società italiana sempre più succube dei più forti, cioè di una netta minoranza di individui che va combattuta con decisione sul terreno politico.”

“La seconda barriera che impedisce il corretto flusso democratico nella nostra società è nell’informazione, tv e giornali, in mano a pochi individui, parte dei poteri forti. Punto questo legato al primo poiché senza una multipolarità dell’informazione e una trasparenza netta dei canali informativi, senza una chiara legge sui conflitti di interesse che spezzi il connubio potente-editore, il Paese rimane bloccato in un mondo chiuso, spesso censurato e senza verità. Considerare la verità e la trasparenza elementi scomodi rende inevitabile l’impossibilità di emersione di alternative politiche che proprio questo giochino vorrebbero rompere.”

“Ultimo punto”, conclude Santoro, “consiste nella presa di coscienza che viviamo in un mondo globalizzato in guerra. Non mi riferisco solo alle guerre finanziarie e valutarie occulte ai più, ma a veri conflitti armati, piccoli e meno piccoli, causati da interessi economici e geopolitici vari e noti, i cui effetti sono morte, miseria, fughe ed emigrazioni forzate. Grandi migrazioni forzate, poiché necessarie, effetto di guerre che sono a loro volta effetto degli interessi economici e geopolitici di nazioni, spesso, lontane e immuni dagli effetti delle proprie azioni. Se la causa è l’interesse economico e geopolitico di pochi e uno degli effetti finali è la migrazione di massa, il nostro dovere non è quello di attaccare gli effetti ma la causa che rende il mondo meno vivibile, meno sicuro. L’errore politico e strategico da evitare sta proprio nel prendercela con i poveracci, con chi chiede aiuto. Dovremmo, invece, contrastare con forza coloro che, lontani e dietro le quinte, destabilizzano Paesi, pianificano soluzioni, organizzano gruppi armati, per i propri interessi e contro gli interessi delle collettività del pianeta.”

Annunci

CS RILANCIA L’AZIONE SOCIALISTA

Relazione di Manuel Santoro, Segretario nazionale di Convergenza Socialista

Tra la fine degli anni ’70 e gli inizi degli anni ’80 si cominciò a discutere, anche in Italia, della situazione politica della sinistra cilena. L’idea della “convergenza socialista” dell’epoca presupponeva una grande prova di pluralismo delle idee, trasparenza dei metodi e democrazia interna mentre si era in lotta contro una dittatura militare.
Oggi, naturalmente, non combattiamo contro una dittatura militare ma potremmo affermare che lottiamo contro il solidificarsi di una dittatura politico-finanziaria i cui risvolti egoistici sono in costante accelerazione. Inoltre, oggi in Italia, testimoniamo lo sgretolamento atomistico di quelle aree della sinistra storica e la dissoluzione di qualsiasi organizzazione politica autonoma di stampo socialista. Quello che rimane del socialismo italiano e’ ben poco.
Continua a leggere CS RILANCIA L’AZIONE SOCIALISTA

INFORMAZIONE MONDIALE: IL VOLTO DEGLI OLIGARCHI

di Rainero Schembri

Se si va verso una concentrazione dell’informazione a livello mondiale è bene tenere in mente chi sono i grandi monopolisti. Uno dei più noti è sicuramente il produttore televisivo australiano naturalizzato americano Rupert Murdoch. Si tratta di uno degli uomini più ricchi del mondo. E’ stato calcolato che i suoi giornali, magazine, stazioni televisive, produzioni cinematografiche e digitali satellitari, raggiungono ogni giorno poco meno di 5 miliardi di persone: ben oltre la metà della popolazione mondiale.
Continua a leggere INFORMAZIONE MONDIALE: IL VOLTO DEGLI OLIGARCHI

DEMOCRAZIA, INFORMAZIONE E MIGRAZIONI. TRE PUNTI CHE RICHIEDONO VERITA’ E CORAGGIO

di Manuel Santoro

Convergenza Socialista ha l’obiettivo di lavorare ad un Nuovo Stato Sociale. Questo significa costruire i pilastri politici e sociali che consentono di indirizzare la società verso la massimizzazione della qualità della vita e della felicità dell’uomo, intervenendo sui suoi reali bisogni e sulle sue vere necessità. Ripensare le politiche di governo, locale, nazionale ed europeo, in modo tale da ricostruire un welfare di “pubblica utilità” che punti sui temi di sempre con l’intento di assicurare il necessario a tutti, uomini e donne.
Continua a leggere DEMOCRAZIA, INFORMAZIONE E MIGRAZIONI. TRE PUNTI CHE RICHIEDONO VERITA’ E CORAGGIO

INFORMAZIONE MONDIALE: IL CASO ITALIA

di Rainero Schembri

Per Antonio Diomede, presidente della REA, Associazione di piccole e medie radio e televisioni europee, “parlare di sistema informativo italiano significa parlare di spartizione del potere mediatico stratificato su diversi livelli. Il primo livello è quello delle televisioni e dei giornali nazionali controllato dai poteri forti dello Stato (Partiti e Finanza innanzi tutto). Il livello intermedio, testate interregionali, per via del processo di accentramento sono in completa crisi esistenziale, in quanto nel panorama mediatico non sono né carne né pesce. Cioè non hanno possibilità di crescere per elevarsi a testate nazionali e non riescono a identificarsi in uno specifico territorio.
Continua a leggere INFORMAZIONE MONDIALE: IL CASO ITALIA

INFORMAZIONE MONDIALE: ITALIA APRIPISTA DEL MONOPOLIO MONDIALE

di Rainero Schembri

“E’ scontato che chi comanderà il mondo del domani non tanto lontano, parliamo massimo del 2050, saranno coloro che avranno nelle mani le reti di comunicazione. L’operazione è partita dall’Italia nel 1993 con la legge Mammì che assegnò tre reti televisive nazionali a un unico soggetto privato precostituendo così un duopolio del potere mediatico contro lo storico monopolio della RAI”. A sostenerlo è Antonio Diomede, presidente della REA, Associazione di piccole e medie radio e televisioni europee.
Continua a leggere INFORMAZIONE MONDIALE: ITALIA APRIPISTA DEL MONOPOLIO MONDIALE