Archivi tag: migranti

Poveri contro poveri, oppressi contro oppressi. Non cadiamo in questa trappola

Compagne, compagni,

ci sono ancora sentimenti quali coraggio e solidarietà tra normali cittadini nei confronti di loro simili. Tutti parte dello stesso campo degli oppressi.

È da qui che deve ripartire la lotta contro chi in questi decenni ha distrutto paesi, conquistato terre, rubato materie prime, si è arricchito lasciando poi intere popolazioni allo sbando, nella miseria più assoluta.

I populisti, i razzisti sono quinte colonne dei capitalisti, dei liberisti poiché vogliono mettere i poveri contro i poveri, gli oppressi contro gli oppressi, donne e uomini contro donne e uomini. Non cadete nel loro gioco!

Sino ad oggi abbiamo combattuto politicamente i governi liberisti, oggi combatteremo quelli populisti e falso-sovranisti.

I nostri avversari politici non sono i migranti ma coloro che hanno depredato le loro terre attivando così la migrazione di massa.

Annunci

Migranti. Da Crotone una speranza per l’Italia

di Manuel Santoro

Forse c’è ancora speranza in questo Paese. Una speranza che si traduce in uno spontaneo risveglio dalla nostra opprimente quotidianità per trasformarsi in un sussulto liberatorio fatto di umanità, empatia, normalità. Un sussulto fatto di cose semplici e normali come salvare donne, uomini e bambini dalla trappola del mare.

Nella frazione di Torre di Melissa, Crotone, normalissimi cittadini hanno avuto quel sussulto interiore che li ha portati a buttarsi in mare e salvare vite umane e tale normalissimo atto si scaglia violentemente contro opposti comportamenti, impregnati di violenza e di menefreghismo.

La lotta di classe è scienza così come immedesimazione delle sofferenze di chi fa parte del tuo stesso campo degli oppressi. E chi arriva dal mare è oppresso quanto il lavoratore salariato che modella la propria vita seguendo turni decisi da altri.

Nell’azione dei cittadini di Torre Melissa, quindi, vedo una speranza.

Salvini e sovranisti. Santoro (CS): forti con i deboli, deboli con i forti e fifoni con i veri padroni

“Oggi abbiamo avuto modo di assistere alla processione di polizia e di ruspe per l’operazione di sgombero del campo per i migranti gestito dall’associazione Baobab Experience di Roma”, commenta Manuel Santoro, segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista. “Uno sgombero in cui centinaia di persone sono state identificate e alle quali non è stata data alcuna indicazione di quale sarà il loro futuro.”

“Tutto questo mentre il sovranista Salvini commentava con gioia ‘dalle parole ai fatti’ oppure ‘zone franche, senza Stato e legalità, non sono più tollerate’. Facile con i deboli, vero Ministro Salvini?”

“Perché non dite e fate lo stesso con i militanti di Casapound? Perché non dite a costoro di sloggiare dall’edificio abusivamente occupato da tanti anni?”, continua Santoro. “Oppure ditelo agli americani, alla Nato, i veri padroni, di lasciare le basi in Italia e di portarsi appresso le bombe atomiche ‘abusivamente’ dislocate nel territorio italiano. Paura, vero? Non una parola su questo fronte dal sovranista ‘fifone’ Salvini. Troppo facile con i migranti. Vediamo pure la veemenza del sovranismo di Salvini e di Meloni in azione, quando si tratta di essere veramente sovrani, ovvero di contrapporsi con forza agli americani e alla Nato.”

“Silenzio tombale”, conclude Santoro. “Come volevasi dimostrare i Salvini di noialtri sono forti con i deboli, deboli con i forti e fifoni con i veri padroni dell’Italia.”

Riace. Santoro (CS): l’arresto di Lucano in un Paese sommerso dal malaffare con un ministro incompetente

“Con tutti i corrotti, i corruttori, i ladri, gli evasori, tutti italianissimi, con la mafia, la camorra, la ‘ndrangheta pienamente operative e tutto Made in Italy si intende, la guardia di finanza arresta Mimmo Lucano. Che colpo! Complimenti”, commenta Manuel Santoro, Segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista.

“Ora sì che si intravede il Paese che piace a Salvini e Di Maio. Ora sì che l’Italia sarà più sicura, finalmente immune dal malaffare. Sono mesi che la retorica del Governo, di chiara natura salviniana sulle questioni dell’immigrazione, distrae le masse usando l’escamotage dei migranti e millantando un inesistente contrasto alle mafie e al malaffare. Tutto fumo e niente arrosto, Ministro Salvini.”

“Eppure di ladri, corrotti e corruttori nel centrodestra ne abbiamo conosciuti e ne conosciamo diversi”, continua Santoro, “qualcuno è anche stato capo di Governo e Ministro. Ricordiamo con fermezza, sempre, da dove viene Salvini, chi è Salvini, chi sono i suoi compagni di merenda all’interno della coalizione di centrodestra. Ricordiamo sempre le condanne passate in giudicato.”

“La mia idea tra onestà e malaffare, tra italiano e straniero non cambia”, conclude Santoro, ”e rimango dell’opinione che è sempre meglio un immigrato onesto che un italiano ladro, corrotto, corruttore…evasore”.