Archivi tag: Partito Democratico

PD. Santoro (CS): il ritorno di Renzi ci darà una mano a demolire il PD

“Ho sempre sperato in un ritorno politico propositivo di Renzi”, commenta Manuel Santoro, Segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista, “ poiché è l’unico in grado di distruggere quello che è rimasto del Partito Democratico.”

“L’eclissi politica definitiva del PD sarebbe, grazie al sublime lavoro renziano, la conclusione di una parabola demenziale iniziata con la Bolognina quasi trenta anni fa. I veri socialisti, quelli che vogliono realmente bene ai lavoratori salariati e alle classi subalterne, sperano vivamente che l’ex premier concluda con successo questo lento processo di dissolvimento del PD, e con esso di quello che rimane del socialismo borghese, adulatore, lacchè dei poteri forti.”

“Al contrario dei suoi colleghi di partito, non ho mai pensato di liberarmi di Renzi”, continua Santoro,” poiché egli ha l’innata capacità di colpire e annientare il corpo in cui vive, e ci sarà quindi di grande aiuto nel ripulire la scena politica italiana dal più grande equivoco degli ultimi decenni: il PD come partito progressista e pseudo-socialista.”

“Lo incoraggio da subito”, conclude Santoro, “nel visitare scuole e televisioni. Sarebbe il modo migliore per allontanare giovanissimi, giovani e meno giovani dal fraintendimento storico della ‘sinistra’ italiana, che sinistra non è mai stata e men che mai socialista”.

Annunci

POCO, POCHISSIMO SENSO

di Giandiego Marigo, Dipartimento politiche abitative e per gli anziani

È quasi grottesco e sotto certi aspetti umiliante che l’ANSA definisca l’assemblea Piddina “kermesse della Sinistra”. Per quanto squalificato e inutile possa essere questo vocabolo ormai, per la memoria del suo significato è umiliante essere adoperato in questo contesto. Fra neo-liberisti più o meno radicali

Fra neo-liberisti più o meno radicali.

Tutti costoro, infatti, senza distinzioni hanno votato il Job Act, hanno accettato, implementato e permesso il ruolo attivo del Paese sui quadranti mondiali al fianco della NATO, hanno sprecato parole e teorie fantasiose sulla “Vocazione Maggioritaria” e questo vale, diciamolo anche per i primi fra i pentiti di pseudo-sinistra (mai sentiti in una autocritica) i Fassina ed i Civati, con una ovvia estensione per i supporters, i loro camerieri stolti Vendola, Pisapia e Boldrini.

Davvero che costoro definiscano l’idea di alternativa, diciamolo ancora per capirci, di Sinistra è umiliante ed in qualche modo dipinge il colore esatto e completo della nostra sconfitta nel secolo trascorso e del tentativo di annullamento del dissenso e del “pensiero socialista” in quello nuovo.
Continua a leggere POCO, POCHISSIMO SENSO

ELEZIONI. SANTORO (CS): AUSPICHIAMO UNA SINISTRA LONTANA DAL PD

“Il futuro della sinistra in Italia è a un bivio tra continui ammiccamenti al PD, rapidi avvicinamenti al progetto Pisapia e voglie di autonomia, seppur in un clima di accentuata incertezza che potrà chiarirsi una volta varata la nuova legge elettorale”, commenta Manuel Santoro, Segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista.

“Fra poche settimane ci sarà il Congresso fondativo di Sinistra Italiana”, continua Santoro, “e conosceremo la linea che i delegati vorranno seguire anche in vista delle prossime politiche, tenendo conto delle diverse anime che, ad oggi, la compongono e considerando l’annuncio del ‘Campo Progressista’ di Pisapia il quale attirerà a sé la fazione più dialogante con il PD. E’ molto probabile che Sinistra Italiana nasca monca se dovesse scegliere un approccio autonomista, lontano dal PD, tenuto conto degli umori che animano il nuovo soggetto politico.”

“Da parte nostra auspichiamo un distacco netto rispetto al Partito Democratico, una presa di posizione politica chiara nel campo della sinistra. Scelta che noi condivideremmo in quanto è anche la nostra”, continua Santoro, “nella consapevolezza di dover fare poi i conti con una probabile legge elettorale che tenderebbe a polarizzare le forze in coalizioni snaturando di fatto una scelta politica finalmente di rottura.”

“Tenendo conto del pericolo insita nella legge elettorale”, continua Santoro, “lavoriamo, quindi, per il proporzionale, senza sbarramenti, affinché non ci siano costrizioni, forzature, avvicinamenti innaturali per la formazione di coalizioni senza un collante politico ma solo elettoralistico, coalizioni che si sgretolerebbero al primo ostacolo. Più volte abbiamo assistito a questi teatrini della politica e penso che gli italiani ne abbiano abbastanza.”

“Da parte nostra”, conclude Santoro, “continueremo nel lavoro politico di rimarcare le differenze sostanziali, ideologiche e programmatiche, nei confronti del PD e dei suoi soggetti satelliti. Differenze che si traducano, nelle tornate elettorali locali e nazionali, in un’alternativa politica chiaramente di sinistra. Senza inciuci.”

IN ITALIA DUE PARTITI SOCIALISTI CON DUE VISIONI DIVERSE DEL MONDO CHE VERRA’

di Manuel Santoro, Segretario nazionale di Convergenza Socialista

Il socialismo italiano è dilaniato da confusione, miraggi e parcellizzazione delle forze. Non è detto che questo sia necessariamente un male.

La galassia socialista non deve essere riappiccicata solo sulla base di un’etichetta. Essere socialisti di per sé non significa niente, almeno oggi, se non si anima una visione del mondo, una prospettiva politica e programmatica certa. Troppi sono, oggi, i centri di direzione, le linee politiche, gli interessi individuali e di gruppo. Ha molto senso, invece, convergere e far convergere su una prospettiva politica di lungo periodo, chiara, nella sua chiave socio-economica, nazionale, Europea ed internazionale.
Continua a leggere IN ITALIA DUE PARTITI SOCIALISTI CON DUE VISIONI DIVERSE DEL MONDO CHE VERRA’