Archivi tag: scuola di partito

Vademecum sulla costruzione del socialismo organizzato

Dall’ideologia alla comunità, dall’educazione all’identità socialista

L’ideologia socialista è la cornice ideale entro la quale una comunità socialista si forma attraverso lo strumento dell’educazione per la formazione di una identità culturale e politica socialista.

La comunità socialista si forma all’interno della scuola di partito la quale agisce creando le condizioni per la formazione dell’identità socialista all’interno di un preciso quadro ideologico.

Senza una comunità socialista formata, non è pensabile poter attuare quelle riforme strutturali necessarie per la graduale conversione del nostro modello di realtà con uno diametralmente alternativo.

La funzione del partito

Il partito ha un ruolo stabilizzatore per una comunità politica e di modellamento di una futura classe dirigente, ideologicamente educata e politicamente organizzata per il difficile lavoro territoriale. Il partito è da considerarsi progetto in divenire, dinamico, che cresce o decresce con i flussi politico-culturali della società. Non è un sistema rigido, e può essere un mondo altamente democratico, se lo si vuole, nel quale si discute e si richiede la discussione da parte di tutti. Se il lavoro ideologico-educativo è fatto bene, il partito non sarà mai un luogo dove si entra e si esce a seconda delle personali opportunità. Il socialista non è, non può e non deve essere un opportunista.

La funzione del partito rimane strategica nella sua essenza. Il processo educativo ed organizzativo sono di lungo periodo, e di conseguenza, la natura stessa del partito viaggia di pari passo. Esattamente come i grandi potentati, le grandi dinastie e gli ordini religiosi che lavorano al perseguimento dei propri obiettivi nell’arco dei secoli, non anni, la via al socialismo e, di conseguenza, la costruzione ed il successivo rafforzamento dell’educazione e dell’organizzazione, quindi del partito, è un tragitto lungo nel tempo e nello spazio che non si può ritenere un fuoco di paglia.

Educazione politica e scuola di partito

L’educatore assume un ruolo importante una volta definita con chiarezza una piattaforma ideologica precisa. L’intellettuale al servizio della comunità è una risorsa positiva poiché crea le condizioni per una profonda comprensione delle questioni del mondo e crea le condizioni per una convergenza culturale e politica necessaria. Se nel socialismo l’idea di comunità equivale all’idea di partito, visto la sua necessaria valenza pluralista e democratica, educazione è scuola e l’educazione politica dovrà avvenire nella scuola di partito.

Che fare?

Continuare nel nostro lavoro ‘fondativo’ del socialismo partendo dalla consapevolezza della necessità storica di una riemersione della coscienza di classe e, conseguentemente, del confronto aspro tra gli interessi diversi che conduce alla lotta tra campi avversi.

Riprendiamoci i vocaboli e parliamo apertamente di coscienza di classe e lotta di classe. Il socialismo saprà riemergere in un forma organizzata se saprà riappropriarsi con orgoglio di un vocabolario dimenticato.

Gli strumenti per farlo ci sono: educazione politica, osservazione e analisi critica della società e della sua organizzazione, coscienza di classe.

Annunci

SCUOLA DI PARTITO. PROSSIMI APPUNTAMENTI

Il 14 maggio riprendono gli incontri della Scuola.
Di seguito il calendario per il mese di Maggio:

SABATO GIORNO 14 ORE 16-18
SABATO GIORNO 21 ORE 10-12
SABATO GIORNO 28 ORE 18-20

Il programma dell’incontro del 14 p.v. è il seguente:

Introduzione relatore Francesco Maria Favara, coordinatore Scuola
Intervento di Filippo Russo sulla Riforma Boschi
Chiusura : Francesco Maria Favara.

Nel mese di maggio e giugno si effettueranno due incontri aperti al pubblico, nelle date previste dal calendario, di incontro e discussione proprio sulla Riforma Boschi.
Buon proseguimento.

Francesco Maria Favara
Coordinatore Scuola di Partito e Formazione

SCUOLA DI PARTITO

Giancarlo Amante, Organizzazione CS

“Sabato 9 aprile 2016 alle ore 16 ci sara’ il 2° appuntamento per la scuola di partito.

Siete pregati di partecipare perché e’ importante contribuire alla costruzione di Convergenza Socialista, partito socialista e di sinistra.

Conoscere e conoscersi, tanto e’ vero che se ci sara’ un numero sufficiente di partecipanti chiuderemo con una pizza per fare gruppo.

L’aula e’ sempre a Roma, via Marco Tabarrini n.7 tel. 347.7036962

Relatore Francesco Maria Favara

L’incontro sarà sui tre fondamentali di Convergenza Socialista:
– il Logo : ovvero il biglietto da visita del Partito
– lo Statuto: l’ossatura formale e le linee guida dell’organizzazione del Partito
– la linea politica: l’indirizzo politico e sociale del Partito

LA SCUOLA DI PARTITO DI CONVERGENZA SOCIALISTA

Il prossimo mese, già dalla prima settimana, Convergenza Socialista inizierà la scuola di partito a Roma. Inizieremo a Roma per gli iscritti della capitale e zone limitrofe, per poi estendere il raggio d’azione anche in altre parti d’Italia.

La scuola di partito avrà diverse finalità, la prima tra tutte quella di incontrarci. Questo passo, che organizzeremo un paio di volte al mese, ci servirà per comprendere cosa è un partito; come aggregare i gruppi locali, le iniziative da fare sui territori; come costruire le nostre sezioni sul territorio; cosa è il socialismo, la sua storia e le sue battaglie. Saremo coinvolti tutti.

Sarà anche occasione per far avvicinare al partito nuove potenzialità.

Coordina Francesco Maria Favara: “Io sono ‘antico’. Pertanto a breve ci potremo avvalere di una “Scuola di Partito” che possa aiutare i nuovi socialisti, ma anche le ‘cariatidi’ come me, a muoversi in sintonia con il Partito in cui milita.
Lo ha capito anche il PD che nel 1993 abbandonò la Scuola delle Frattocchie (la Scuola di partito detta appunto delle Frattocchie) e che ora (il 6 u.s.) vorrebbe in qualche modo far rivivere.
La scuola di partito non serve ad imporre ma è utile per comprendere e per lavorare come un’unica entità, determinata a fare la differenza. Utile per sapere come muoversi nella vita politica, utile per studiare anche altri ideali ed ideologie; utile perché chiunque faccia parte di un partito diventa il primo portavoce di quanti gli sono vicini: amici, parenti, colleghi di lavoro, e per loro diventi anche una sorta di punto di riferimento”.