Archivi tag: Siria

POLITICA. SANTORO: ATTO DI GUERRA ALLA SIRIA

Condanniamo sempre la violenza e la guerra. Ritengo, quindi, che non ci siano scuse per l’intervento di un Paese straniero su un altro Paese sovrano. Ieri sera si è consumato un atto di guerra contro la Siria, un Paese sovrano, senza alcun mandato ONU.

In perfetta continuità con le passate amministrazioni americane. Trump, con questa scellerata azione contro la legge internazionale e senza alcun mandato del Congresso americano, rende felice Israele, Turchia e Arabia Saudita i quali hanno notevoli interessi in Siria.

Se le cose stanno cosi allora da subito inizieremo una campagna di denuncia relativamente alla vendita di armi di USA, UK e altri Paesi europei all’Arabia Saudita per la guerra in Yemen. Guerra di cui nessuno parla più per evidenti interessi economici e che ha causato ad oggi la morte di 1000 bambini.

Ricorderemo anche le atrocità di Erdogan contro i curdi e le svariate risoluzioni ONU contro Israele per le politiche anti-palestinesi. Useremo tutti gli strumenti e i contatti a nostra disposizione.

Annunci

SIRIA. SANTORO (CS): IN KAZAKISTAN COLLOQUI DI VITALE IMPORTANZA

“Finalmente vediamo intorno allo stesso tavolo sia le forze governative siriane che le forze di opposizione”, commenta Manuel Santoro, Segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista, “ad esclusione, come è ovvio, di Al-Nusra e dello Stato islamico. Il merito di questo imponente lavoro di ricucitura politica va senza dubbio al governo del Kazakistan, ai tre Paesi che hanno lavorano per il cessate il fuoco del 29 Dicembre, vale a dire Russia, Turchia e Iran, al Segretario Generale dell’ONU, De Mistura, e all’ambasciatore americano in Kazakistan.”

“Rimane fondamentale”, continua Santoro, “incentivare il dialogo tra le parti e arrivare ad una soluzione politica della questione siriana dove non prevalga la insensata volontà di imposizione sugli altri ma ci si avvii su un percorso democratico che permetta ai siriani, e solo ai siriani, di scegliere il futuro politico del proprio Paese.”

“Sono irricevibili, quindi, tutti i tentativi dell’opposizione siriana presente ad Astana di voler imporre, senza alcun processo democratico, la ‘destituzione’ di Bashar al-Assad, così come sono irricevibili forzature del governo siriano che portino verso una accentuazione del potere costituito che eviti de facto il ricorso a elezioni in Siria.”

“Il processo di pace siriano dovrà necessariamente condurre a elezioni corrette, libere e democratiche alle quali tutti i siriani potranno accedere e partecipare, siano essi filo governativi o membri dell’opposizione ad Assad. Quello che non deve succedere è che una delle due parti prenda il sopravvento con unilaterali forzature oppure con l’uso della violenza. Vale a dire con strumenti antidemocratici.”

“E’ nostro dovere”, conclude Santoro, “condannare qualsiasi tentativo di ‘esportazione della democrazia’ dall’esterno, con l’uso della forza e, in generale, di metodi violenti, per fini antidemocratici e di puro lucro”, continua Santoro, “poiché abbiamo già visto negli ultimi decenni le tragedie causate in Medio Oriente e in altre parti del Mondo. Che il processo di pace in Siria dia nuova linfa a un modus operandi che trovi nel dialogo e nella implementazione dei processi democratici i punti cardini per una convivenza di pace, e stracci per sempre gli unilateralismi e l’uso della forza.”

TERRORISMO. SANTORO (CS): L’EUROPA SI SVEGLI E CONTRIBUISCA AL PROCESSO DI PACE

“Ieri abbiamo vissuto una giornata drammatica tra l’assassinio dell’ambasciatore russo in Turchia, Andrey Karlov, e quello che sembra essere un attentato premeditato a Berlino”, così commenta Manuel Santoro, Segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista.

“Il filo conduttore potrebbe condurci a ritroso alle tragedia di Nizza e di Parigi, avendo come sfondo il conflitto siriano e la mancata presenza dell’Europa in un vero percorso di mediazione e di pace in Medio Oriente. Sappiamo bene chi ha creato il terrorismo islamico, sappiamo benissimo quando e per quale motivo, e conosciamo chi tutt’ora finanzia le forze islamiste e terroristiche presenti in Siria.”

“I due attentati di ieri avvengono in un momento molto delicato”, continua Santoro, “e proprio alla vigilia dell’incontro a tre tra Russia, Turchia e Iran sulla processo di pace in Siria. Non vorrei che qualcuno, dietro le quinte, stia cercando di annullare gli sforzi per l’avvio di un processo di pace che deve necessariamente includere l’annullamento del terrorismo islamico nella regione.”

“Penso altresì”, continua Santoro, “che sia fondamentale e non più rinunciabile una presa di posizione netta da parte dell’Europa nei confronti di quei Paesi che continuano a finanziare l’ISIS ed il terrorismo islamico. Con essi, invece, l’Europa continua a fare affari, ponendosi proprio contro quei popoli, in Siria e in Yemen, che dice di voler proteggere. In Yemen, poi, nessuno dice nulla, men che meno la stampa mainstream.”

“Che l’Europa si svegli”, conclude Santoro, “e sia partecipe del processo di pace in Siria. Collabori, inoltre, con le forze in campo, ad iniziare dalla Russia e dalla prossima amministrazione Trump, per il raggiungimento di due obiettivi. L’annullamento dell’ISIS e del terrorismo, e l’avvio deciso di un processo di pace in Medio Oriente che, sono sicuro, dovrà passare da un cambio di atteggiamento da parte dell’Europa, degli USA e della Russia, nei confronti dei Paesi che, siano ad oggi, hanno finanziato e sponsorizzato il terrorismo nella regione.”

QUANDO IL DIRITTO RIGUARDA 795 MILIONI DI PERSONE

di Rainero Schembri

A mettere il dito sulla piaga è Vichi De Marchi, portavoce del WFP, l’Agenzia dell’ONU che si occupa di problemi alimentari. “Nel filmato sull’ Assistenza Legale Umanitaria” (https://www.youtube.com/watch?v=ZpNNm-LpbXI&feature=youtu.be) afferma la De Marchi, “si parla di un diritto ad essere informati. E si parla di bisogni capitali.
Continua a leggere QUANDO IL DIRITTO RIGUARDA 795 MILIONI DI PERSONE