Archivi tag: Stati Uniti

Stati Uniti. Santoro (CS): dalla General Motors un taglio occupazionale aberrante

“Sono quattordicimila i posti di lavoro che la General Motors ha annunciato di tagliare in un batter di ciglia, e ciò denota tutta la bruttura, la stoltezza e la ferocia del sistema economico capitalista”, commenta Manuel Santoro, segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista. “Una macchina infernale che mette in mezzo alla strada un numero enorme, direi assurdo, di lavoratori e di famiglie, chiudendo ben cinque stabilimenti. Da Detroit a Warren in Michigan, da Oshawa in Ontario a Baltimora e Lordstown, in Ohio.”

“Decine di migliaia di lavoratori che potrebbero, quindi, perdere il posto di lavoro e ritrovarsi assolutamente perduti insieme alle loro famiglie. E questo sarebbe il progresso umano? Per quanto si voglia iniettare welfare in una tale organizzazione di società, la crudeltà del capitale non sarà mai sconfitto dalla solidarietà umana. Per questo ci vorrebbe un cambio assoluto di paradigma: il socialismo. Il Presidente Trump, quindi, può strillare quanto vuole ma non vi è alcuna possibilità di metamorfosi positiva del capitale che, come quello americano, fa leva sul free market e sulla quasi totale mancanza di protezione delle classi lavoratrici, le quali si ritrovano sballottate all’interno del mercato del lavoro, come pacchi postali.”

“Ora, c’è chi vorrebbe mitigare la ferocia del capitale con il welfare e molti, anche nel campo socialista, pensano che sia possibile”, continua Santoro. “Poveri illusi, sarebbe il caso di dire. Il capitalismo è irriformabile, e non contempla il progresso umano, poiché si basa sulla centralità del capitale, e non dell’essere umano. Certo, una maggiore protezione legislativa dei lavoratori può attutire gli effetti così nefasti che invece negli Stati Uniti, per esempio, sono possibili.

“Ma ciò non toglie che ci saranno sempre pezzi di classe lavoratrice, per quanto piccoli, che subiranno le decisioni di classi dirigenti e degli umori dei mercati”, conclude Santoro. “Bisognerebbe solo mettersi nei panni di questi lavoratori appena licenziati, ben quattordicimila, e delle loro famiglie, per essere socialisti. Vivere le loro vite quanto basta per capire da che parte stare. Dalla parte del capitale oppure dell’uomo.”

Annunci

CHI SONO I VERI NEMICI DEL PAPA?

di Rainero Schembri

In un noto albergo Romano tre grandi vaticanisti si sono incontrati con un gruppo di ambasciatori latino americani e qualche giornalista per commentare il recente viaggio di Papa Francesco a Cuba e Stati Uniti. Parliamo di Valentina Alazraki (Vaticanista Televisiva Tv Messico), Francis Rocca (Vaticanista del Wall Street Journal) e Alan Holdren (Vaticanista Catholic News Agency). A promuovere l’incontro è stato Mediatrends America-Europa, Osservatorio indipendente che studia le tendenze dell’informazione internazionale. A fare, invece, gli onori di casa ci ha pensato Roberto Montoya, giornalista peruviano che da molti anni lavora in Italia e che, in quest’occasione, ha sollecitato i colleghi a esprimere un parere sul significato di questo viaggio.
Continua a leggere CHI SONO I VERI NEMICI DEL PAPA?

MUOS IN SICILIA: GRANDE PERICOLO, SCARSA INFORMAZIONE

di Rainero Schembri

Parliamo di necessità di un’adeguata informazione? Un esempio concreto è rappresentato dal MUOS (Mobile User Objective System). Per chi non lo sapesse, si tratta della quarta stazione di terra che gli Stati Uniti stanno costruendo in Sicilia a Niscemi, per completare il sistema satellitare utile alle forze militari per la trasmissione e acquisizione dei dati emessi dai droni addetti alla sicurezza (gli altri tre si trovano in Virginia, negli Hawaii e in Australia).
Continua a leggere MUOS IN SICILIA: GRANDE PERICOLO, SCARSA INFORMAZIONE

GRAZIE AI NONNI PER LA VITTORIA. LA STORIA NON SARA’ RISCRITTA

di Svetlana Ivanova e Manuel Santoro

L’agenzia britannica ICM Research ha condotto nell’Aprile del 2015 un sondaggio su 3.000 abitanti della Gran Bretagna, della Germania e della Francia, per determinare quale Paese, secondo loro, avesse dato un contributo determinante alla liberazione dell’Europa dal nazi-fascismo. In ognuno dei tre Paesi sono state intervistate un migliaio di persone. I risultati sono stati sorprendenti:

Esercito degli Stati Uniti – 43%
Esercito del Regno Unito – 20%
Esercito dell’Unione Sovietica – 13%
Continua a leggere GRAZIE AI NONNI PER LA VITTORIA. LA STORIA NON SARA’ RISCRITTA