Archivi tag: USA

VIVA CHILE! VIVA EL PUEBLO! VIVAN LOS TRABAJADORES!

Omaggio a Salvador Allende, compagno Presidente del Cile, morto l’11 settembre del 1973 durante il golpe che portò al potere Pinochet, sostenuto dagli Usa.

Salvador Allende Cile Presidente USA CIA colpo di stato socialismo
Salvador Allende
Annunci

POLITICA. SANTORO: LA GUERRA DIMENTICATA IN YEMEN

Mille (1000) bambini uccisi nei raid. Oltre seimila morti, 2,5 milioni di sfollati, abusi, crimini di guerra. Ospedali, scuole, fabbriche e campi profughi bombardati. Oltre 740 morti nei combattimenti.

Dov’è l’ONU? Dov’è Hollande? Dove il Regno Unito e gli USA? Dove sta l’Europa?

Non sarà forse che miliardi di dollari di armamenti all’Arabia Saudita sono venduti direttamente da UK, USA e Europa?

Nel 2016, gli Stati Uniti hanno venduto equipaggiamento militare e armi alla controparte saudita per un valore complessivo pari a 20 miliardi di dollari. Nel 2017, sino ad oggi, 1,15 miliardi di dollari. Idem, ma un po di meno, il Regno Unito.

La Francia del (pseudo) socialista Hollande ha venduto, nel 2017, armi per un valore complessivo di 455 milioni di euro all’Arabia Saudita (settimanale Le Point). La Francia, nel 2016, ha ricevuto ordini militari per un ammontare di 20 miliardi di euro, un qualcosa che ha suscitato proteste anche all’interno della nazione. Infine l’Italia con le sue tonnellate di bombe dalla Sardegna all’Arabia Saudita: bombe che servono a rifornire le Royal Saudi Air Force che sta bombardando lo Yemen senza alcun mandato da parte delle Nazioni Unite.
Continua a leggere POLITICA. SANTORO: LA GUERRA DIMENTICATA IN YEMEN

RUSSIA. SANTORO (CS): L’EUROPA LA SMETTA DI ESSERE IL BRACCIO ARMATO DEGLI USA

“Abbiamo appreso con sgomento che equipaggiamenti militari americani, inclusi un centinaio di carri armati, sono arrivati nel porto tedesco di Bremerhaven, in Germania, per essere trasferiti sul ‘fronte’ occidentale della Russia’, commenta Manuel Santoro, Segretario nazionale del partito della Convergenza Socialista, ‘decisione questa che rende di fatto l’Europa il braccio armato degli Stati Uniti”.

“L’Europa diventa, quindi, luogo di transito per la guerra e abdica senza appello a un suo ruolo politico e diplomatico autonomo. Penso, invece, che sia necessario ridestare tutte le forze democratiche europee affinché si avvii una seria discussione sulla democratizzazione dell’Europa che possa portare a una consapevole autonomia politica nei processi politici interni ed esterni. Non è più possibile essere schiavi di voleri e interessi altrui. Siano essi potenze straniere oppure aziende multinazionali. Quali sono gli interessi dei popoli europei e del mondo? Penso prima di tutto la pace.“

“L’Europa ha il dovere di acquisire un suo ruolo nello scacchiere geopolitico mondiale”, continua Santoro, “e può essere soggetto mediatore tra altri di diversa cultura. Viviamo in un mondo multipolare e dobbiamo accelerare la nostra emancipazione politica. La NATO ha ormai esaurito la sua funzione. L’Europa deve assumere un suo ruolo guida e, in piena autonomia, staccarsi dal cordone ombelicale del cieco atlantismo e avvicinarsi all’Unione Economica Euroasiatica, ai BRICS, focalizzandosi su un suo ruolo di mediazione tra colossi e, nello stesso tempo, di valorizzazione dei processi economici e politici utili ai popoli.”

“Auspico”, continua Santoro, “una sterzata di lungo periodo, strategica, nella politica europea essendo consapevole della necessità di ripensare l’Europa su basi sociali e di iniziare un dialogo di pacificazione tra Est e Ovest, tra Nord e Sud. Possiamo essere protagonisti ma per questo dobbiamo essere avulsi da interessi politici ed economici particolari. Non ci serve più guerra. Ci serve più pace, più lavoro e più giustizia sociale.”

“Evitiamo, quindi, conflitti inutili, incentiviamo il dialogo con la Russia”, conclude Santoro, “e facciamo in modo che il nostro Governo si renda utile incentivando la mediazione a tre, tra Stati Uniti, Unione Europea e Russia, con il fine di evitare il baratro. Sia magari Roma il luogo nel quale riaprire un discorso politico inaridito nel tempo”.

DO NOT FALL INTO THE TRAP OF RIOTING AGAINST DEMOCRACY

Manuel Santoro, National Secretary

Advice to the American people.

Thousands of American people are protesting against the election of President Trump. Despite how you might feel about it, the democratic process has done its job and while it is the people right to demonstrate peacefully, it is totally unacceptable to follow billionaires, reverends, organizations with the purpose of fomenting riots in different American cities like many times before abroad.

I believe the American people must not fall in this trap. The American people shall consider the importance and the necessity of the democratic vote.

Thus, I say to the American people to be part of the political environment, to engage into the political arena, talk to your fellow citizens, always, constantly, since this is the only way to learn how your nation changes year after year, month after month. Do not just wake up at Election Day.

Be vigilant of the external powers that surround your vote. It is something we have all seen before.
Democratic elected Presidents overthrown by external forces for economic, financial and geopolitical interests. Many times the same plot have being played in different nations and you, my fellow Americans, were not paying attention. Pay attention now because the same machine that has worked so well abroad in changing regimes, Parliaments, elected politicians, has been started in your own Nation.

Do not follow it. It is something we all have seen before. Just a few examples.

Mohammad Mosaddegh was an Iranian politician. He was the democratically elected Prime Minister of Iran from 1951 until 1953, when his government was overthrown in a coup d’état.

The same happened to Jacobo Árbenz Guzmán, a Guatemalan politician. He was the second democratically elected President of Guatemala, serving from 1951 to 1954. A coup was successful in overthrowing Árbenz in 1954.

Salvador Guillermo Allende Gossens was a Chilean politician. He was democratically elected in 1970 and on September 11th, same day and month of the tragic Twins Towers attack in New York, the military killed Allende in a coup d’état putting dictator Augusto Pinochet in power.

At last, Jaime Roldós Aguilera, an Ecuadorian politician, was democratically elected in 1979 and in 1981 and Viktor Fedorovych Yanukovych, a Ukrainian politician who was democratically elected president in 2010. Both of them were either killed or overthrown.

Thus, I repeat. Do not fall in the trap of rioting against democracy and its results.

QUALCOSA DI GROSSO STA PER ACCADERE

di Svetlana Ivanova

Mettiamo insieme alcuni fatti apparentemente disparati per ottenere un quadro complessivo di ciò che sta accadendo nel mondo.

Primo, la Gran Bretagna, seguita da Germania, Francia e Italia, ha dichiarato il desiderio di entrare nel capitale della Banca asiatica di investimento per le infrastrutture (AIIB), la quale, fondata in Cina come concorrente e per la sostituzione della Banca Mondiale controllata dagli Stati Uniti, si pone come struttura finanziaria internazionale alternativa.
Inoltre, la Cina ha annunciato la creazione del proprio sistema di pagamento interbancario tipo SWIFT, il quale sarà operativo alla fine del 2015. Questo è un altro passo verso l’indipendenza dal dollaro nel sistema finanziario internazionale.
Continua a leggere QUALCOSA DI GROSSO STA PER ACCADERE